Editorialisti

31 Marzo 2011

La necessità di ampliare il mercato

share Silvia Balduzzi - Toy Store

I passi avanti sono stati fatti anche in Italia. Non è possibile ammettere il contrario. Come non ci sono dubbi che il Licensing, partito pochi anni fa nel nostro Paese da uno stadio praticamente embrionale, ad oggi si sia decisamente strutturato con un discreto numero di licensor, agenzie e licensee anche in Italia, di realtà che operano nel mondo delle style guide e del Licensing Design, di momenti di formazione e crescita professionale, i Licensing Seminars, e di una fiera dal concept al centro per cento Made in Italy. È giusto, quindi, riconoscere ad oggi l’impegno di tutti gli operatori che con il proprio lavoro si stanno occupando di far evolvere il mercato del Licensing, ma dall’altra parte è indispensabile che i licensor, le agenzie e le società di consulenza in particolare non si accontentino e si assumano la responsabilità di un ulteriore salto qualitativo. Il mercato del Licensing in Italia, infatti, ad oggi è ancora molto ristretto rispetto ai Paesi in cui esso è più maturo ed evoluto ed è caratterizzato da ancora una presenza esigua di operatori al suo interno: la vera sfida da raccogliere è quella di riuscire a coinvolgere nel business del licensing, come licensee, le molte e piccole medie imprese, di cui è ricco il Paese. È necessario che i protagonisti di oggi, quindi, si occupino di avvicinare nuove realtà al Licensing, creando, in questo modo, nuove opportunità e possibilità di crescita del proprio giro d’affari, di una buona concorrenza e del mercato. Da parte nostra Entertainment & Licensing ha già allargato la propria mailing per “attirare” piccole, medie e grandi imprese.

Silvia Balduzzi - Toy Store

Nata a: Vizzolo Predabissi (Milano) il 22/2/1982
In Editoriale Duesse dal: 22/01/2007
Giocattoli preferiti da bambina: le Micro Machine Cambia Colore, il Das, le bamboline Lady Lovely, Pisolone e i Popples
Quando non scrive su Toy Store ed E&L si occupa di: politica, in particolare pari opportunità, perdere tempo e il mio carlino Lisandro
Le piaccono: il caffè al bar, le torte (cucinate dagli altri), la storia del Novecento, i quotidiani e i libri, il non prendersi troppo sul serio e quelli che vedono le cose in modo diverso.
Libri preferiti: Casa di Bambola di Henrik Ibsen e Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand
Film preferiti: Into The Wild e Pomodori Verdi Fritti alla Fermata del Treno
Canzoni preferite: Rimmel di De Gregori, Eskimo di Francesco Guccini e Soltanto un Gioco de I Nomadi
Non le piacciono: i pregiudizi, la moda (e penso si noti abbastanza facilmente) e gli indifferenti.
Cosa le piace di più del mondo del Giocattolo: amo i racconti e i consigli degli storici del mercato e l’entusiasmo del settore per le novità presentate ogni anno alla fiera di Norimberga.


Archivio