Editorialisti

07 Giugno 2013

Più rigore per tutelare il mercato

share Silvia Balduzzi - Toy Store

In questo numero Toy Store affronta, in collaborazione con Toy Industries of Europe, un tema da sempre particolarmente caro al mondo del Giocattolo: la sicurezza. La questione, che sta creando non poche preoccupazioni, si pone oggi in modo forte per tutti gli operatori del Giocattolo, in particolare l’Industria: a partire dal prossimo 20 luglio, infatti, saranno attivate, all’interno della nuova direttiva sulla sicurezza dei giocattoli, entrata in vigore a luglio 2011, le nuove norme relative alle sostanze chimiche. Si tratta di nuove regole che implicano cambiamenti significativi, ma soprattutto maggiori investimenti, in un momento di criticità per l’economia generale, che in piccola parte ha colpito quest’anno anche il Giocattolo, e in cui i fornitori si trovano anche già a dover affrontare il problema del recupero dei crediti. Investimenti sicuramente giusti, ma che devono essere riconosciuti e rappresentare un valore aggiunto per le nostre aziende che sono attente alle regole e salvaguardano la salute dei bambini. La questione oggi rappresenta una vera e propria problematica su cui riflettere. È di queste ultime settimane, infatti, un servizio delle Iene, realizzato con la collaborazione dell’Istituto Italiano Sicurezza Giocattoli, che mostra come sette giocattoli su dieci, acquistati al Centro Ingrosso Cina di Padova, siano pericolosi per la salute dei bambini e non conformi alla normativa sulla sicurezza dei giocattoli e vengano “regolarmente” immessi sul mercato. Toy Store ritiene che siano necessari maggiori controlli e un sistema più rigoroso che faccia emergere e capire quanto siano dannose queste realtà per il nostro mercato, che vanno a porsi come concorrenti (sleali) delle nostre aziende, che investono ogni anno migliaia di euro per essere in regola con le normative vigenti e per offrire sul mercato prodotti di sempre maggiore qualità.

Silvia Balduzzi - Toy Store

Nata a: Vizzolo Predabissi (Milano) il 22/2/1982
In Editoriale Duesse dal: 22/01/2007
Giocattoli preferiti da bambina: le Micro Machine Cambia Colore, il Das, le bamboline Lady Lovely, Pisolone e i Popples
Quando non scrive su Toy Store ed E&L si occupa di: politica, in particolare pari opportunità, perdere tempo e il mio carlino Lisandro
Le piaccono: il caffè al bar, le torte (cucinate dagli altri), la storia del Novecento, i quotidiani e i libri, il non prendersi troppo sul serio e quelli che vedono le cose in modo diverso.
Libri preferiti: Casa di Bambola di Henrik Ibsen e Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand
Film preferiti: Into The Wild e Pomodori Verdi Fritti alla Fermata del Treno
Canzoni preferite: Rimmel di De Gregori, Eskimo di Francesco Guccini e Soltanto un Gioco de I Nomadi
Non le piacciono: i pregiudizi, la moda (e penso si noti abbastanza facilmente) e gli indifferenti.
Cosa le piace di più del mondo del Giocattolo: amo i racconti e i consigli degli storici del mercato e l’entusiasmo del settore per le novità presentate ogni anno alla fiera di Norimberga.


Archivio