Editorialisti

03 Ottobre 2019

Il giocattolo non è green

Wajda Oddino - Toy Store

Di sostenibilità ambientale, di necessità di ridurre l’impatto che le industrie - ma anche noi come singoli individui nel nostro piccolo - hanno sul pianeta, si parla ormai da anni.
I consumatori chiedono a gran voce un mondo senza rifiuti, soprattutto di plastica, e le società di ricerca individuano la sostenibilità come uno tra i top trend mondiali che anche nei prossimi anni condizioneranno le scelte di consumo. Tutti ne parlano, eppure l’industria del giocattolo è ben lontana dall’essere al passo con le richieste del mercato. Nella nostra inchiesta, alcune aziende “virtuose” ci hanno raccontato i loro programmi e strategie per una maggiore sostenibilità, ma in tante hanno preferito non rispondere perché indietro sul tema. Eppure, la responsabilità di milioni di pezzi di plastica immessi sul mercato è enorme, e proprio le aziende del giocattolo, i cui prodotti hanno il compito di educare e formare le nuove generazioni, dovrebbero essere in prima linea e dare l’esempio su come salvaguardare la nostra Terra.

Wajda Oddino - Toy Store

Nata a Torino il 26 gennaio 1981

In Duesse Communication dal 2012

Mi piace: scrivere di mercato, giocare con i miei figli, l’aperitivo sui rooftop

Mai senza: tacchi e rossetto


Archivio