22 Ottobre 2010  11:42

Made in obbligatorio, il parlamento dice sì

ABAS
Made in obbligatorio, il parlamento dice sì

Dopo cinque anni di battaglie, il regolamento sulla denominazione di origine dei prodotti extra-Ue passa a Bruxelles con 525 voti. L’obbligo è previsto anche per le ceramiche, la rubinetteria e i mobili


Con 525 voti a favore e 49 contrari il Parlamento europeo ha dato il via libero al regolamento sul Made in che prevede l’etichettatura obbligatoria per i prodotti importati dai paesi terzi all’interno degli stati dell’Ue. Scopo primario è tutelare gli interessi dell’industria manifatturiera e dei consumatori i quali, grazie a questo marchio, potranno fare acquisti più consapevoli. Cristiana Muscardini, vice presidente della commissione commercio internazionale e relatrice del testo, ha commentato ieri: “Dopo sei anni di intenso lavoro e innumerevoli negoziati con i deputati stranieri, abbiamo fatto un passo avanti in parlamento. Ora tocca al consiglio che ha tre mesi di tempo per esprimere le sue osservazioni e, se tutto va bene, in primavera, la legge potrebbe essere già approvata”.
Il regolamento Ue sul Made in, che avrà validità per cinque anni dalla sua entrata in vigore, prevede l'obbligo del marchio di origine per: ceramiche, rubinetteria, mobili, tessile e abbigliamento, cuoio, calzature, borse, valigie e oggetti da viaggio, selleria, gioielleria, viti e bulloni, utensili e utensileria, scope e spazzole, vetro, pneumatici e camere d'aria di gomma, sciabole, spade e armi bianche. “È andata anche meglio del previsto” ha dichiarato l’oratore Gianluca Susta. “Non c'è dubbio che il regolamento europeo porrà anche fine a uno svantaggio competitivo dell'Europa che oggi si deve misurare sui mercati globali con concorrenti non solo sempre più agguerriti ma anche dotati di norme sui marchi di origine. Ce le hanno, infatti, Stati Uniti, Canada e Messico, Cina e India. Anche per questo la lacuna va riempita”.

Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 29 Giugno 2020
    Una nuova linfa
    “È nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere superato”.
Arianna Sorbara Ab - Abitare il bagno

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Bagno

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy