23 Aprile 2019  11:53

Bye Bye al registratore di cassa analogico

Emanuela Sesta
Bye Bye al registratore di cassa analogico

Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio, ha inviato una lettera al Ministro Tria per chiedere un rinvio

Il termine per adeguarsi è il 1 luglio 2019, ma Sangalli (Confcommercio) scrive a Tria (ministro dell’Economia) per ottenere una proroga

Cambiano i registratori di cassa e di conseguenza spariscono gli scontrini fiscali in formato cartaceo. Secondo quanto stabilito dal decreto 119/2018, collegato alla legge di Bilancio 2019, i negozianti dovranno sostituire i registratori di cassa analogici con quelli digitali, o adattare quelli in uso con un software per renderli collegati direttamente all’Agenzia delle Entrate. Il termine per adeguarsi è il 1° luglio 2019 per gli esercizi commerciali oltre i 400 mila euro di fatturato, calcolati in circa 261 mila. Dal 1° gennaio 2020 l’obbligo si estende alla totalità dei commercianti, oltre 2 milioni in Italia, compresi gli artigiani. Non propriamete favorevole Confcommercio, "in considerazione del ritardo nell’emanazione dei decreti attuativi e delle possibili difficoltà operative connesse alle problematiche tecniche che le imprese si troveranno ad affrontare nell’adeguamento del parco macchine esistente". Per questo il presidente dell'Associazione Carlo Sangalli, ha chiesto di rinviare al 1° gennaio 2020 il termine per l’entrata in vigore dello scontrino elettronico per tutti, inviando una lettera al ministro dell’Economia, Giovanni Tria. Mancano due decreti ministeriali: uno del Mef che deve indicare le categorie economiche escluse, come avviene già adesso per gli scontrini fiscali; e il secondo, del Mef e dello Sviluppo economico, che individuerà le zone del Paese dove non c’è sufficiente connessione internet: in quel caso si continuerà con lo scontrino cartaceo. Il costo medio di un nuovo registratore di cassa digitale è di circa 800 euro. Per i commercianti che se ne dotano è previsto un credito d’imposta del 50%. C’è anche la possibilità di mantenere il vecchio registratore di cassa analogico, adattando un software per il collegamento all’Agenzia delle Entrate. I vantaggi: tutti gli incassi della giornata verranno inviati telematicamente all’Agenzia delle Entrate. In questo modo si potranno confrontare istantaneamente le uscite (le vendite) e confrontare l’Iva incassata e quella pagata per il magazzino. Per i clienti l’archiviazione digitale dello scontrino elettronico, tra i vari usi, comporterà anche il sui utilizzo come garanzia digitale sui prodotti acquistati e quello della conservazione per la presentazione in dichiarazione dei redditi per le detrazioni fiscali.

Fonte: Corriere.it

Contenuti correlati : agenzie delle entrate registratore di cassa analogico digitale

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Bianco e Ped

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy