15 Febbraio 2019  12:22

Smart home, gli elettrodomestici connessi incidono per il 14% del mercato

Roberta Broch
Smart home, gli elettrodomestici connessi incidono per il 14% del mercato

Il nostro Paese genera un giro d’affari contenuto in questo settore: 380 milioni di euro, in Europa solo la Spagna fa peggio di noi

L’arrivo in Italia di prodotti come gli smart home speaker Google Home e Amazon Echo hanno modificato gli equilibri del settore della ‘casa connessa’, che ha raggiunto lo scorso anno un valore di 380 milioni di euro, in crescita del 52% rispetto al 2017, spingendo le vendite degli altri oggetti connessi, soprattutto legati al riscaldamento e all’illuminazione. Il trend di crescita del mercato italiano è superiore a quello dei principali paesi europei. In termini assoluti, però, l’Italia si colloca davanti solo alla Spagna (300 milioni di euro, +59%), mentre è ancora ampio il divario con Germania (1,8 miliardi, +39%), Regno Unito (1,7 miliardi, +39%) e Francia (800 milioni, +47%). Sono alcuni dei risultati della ricerca sulla Smart Home dell’Osservatorio Internet of Things della School of Management del Politecnico di Milano. Insieme al mercato crescono anche il livello di conoscenza e la diffusione degli oggetti connessi nelle case degli italiani: il 59% ha sentito parlare almeno una volta di casa intelligente e il 41% possiede almeno un oggetto smart, con le soluzioni per sicurezza (come sensori per porte e finestre) in prima posizione. Quest’ultimo segmento vale 130 milioni di euro, pari al 35% del mercato. In seconda posizione troviamo la principale novità del 2018, gli smart home speaker, che oltre a generare vendite per 60 milioni di euro (16% del mercato), hanno direttamente o indirettamente trainato buona parte della crescita complessiva. Di poco inferiori le vendite degli elettrodomestici, pari a 55 milioni di euro e al 14% del totale, fra cui spiccano le lavatrici - connesse, controllabili via App e dotate in alcuni casi anche di assistente vocale - che continuano a trainare le vendite del comparto. Si allarga l’offerta, ma l’utilizzo delle funzionalità smart è un’abitudine solo per il 25% degli utenti che posseggono un elettrodomestico connesso (in crescita rispetto al 15% del 2017). Caldaie, termostati e condizionatori connessi per la gestione del riscaldamento e della climatizzazione incidono per il 12% del mercato (circa 45 milioni di euro), con un incremento dovuto alla crescente integrazione con gli assistenti vocali e alla possibilità per il consumatore di ottenere benefici importanti in termini di risparmio energetico e comfort. Tra le rimanenti soluzioni spiccano con una crescita del +50% le soluzioni per la gestione dell’illuminazione(lampadine connesse). Il boom degli assistenti vocali ha favorito soprattutto i retailer online e offline, che insieme incidono per il 40% del mercato (in crescita del 160% rispetto al 2017), a scapito della filiera tradizionale - produttori, architetti, costruttori edili, distributori di materiale elettrico e installatori – che mantiene un ruolo di primo piano ma perde terreno in termini di quote di mercato (dal 70% del 2017 al 50% di quest’anno).

 

Contenuti correlati : Google Home Amazon Echo smart home Internet of Things Politecnico di Milano

ACCADDE OGGI

  • 13 Dicembre 2018
    Carlo Barlocco lascia Samsung Electronics?
    Carlo Barlocco, presidente di Samsung Electronics Italia, avrebbe lasciato la guida italiana del colosso coreano. È questa la notizia che, da qualche...

Ricevi la Newsletter!

Bianco e Ped

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy