29 Aprile 2020  10:42

AMC-Universal: è guerra aperta a causa di Trolls 2

Paolo Sinopoli
AMC-Universal: è guerra aperta a causa di Trolls 2

Il circuito ha dichiarato che in futuro non distribuirà più i film della major

È in corso una bufera a Hollywood. Sono bastati i commenti del Ceo di NBCUniversal sul successo di Trolls 2 in Premium vod per scatenare l’ira del circuito AMC Theatres. Il Ceo della major, Jeff Shell, ha, infatti, rivelato con entusiasmo i circa 100 milioni di dollari registrati con l’uscita streaming a prezzo maggiorato nelle ultime tre settimane (operazione messa in atto a causa dell’impossibilità di uscire in sala per l’emergenza Coronavirus). Un risultato importante, che si avvicina a quanto incassato dal precedente Trolls (2016) durante le prime tre settimane di programmazione in sala (116 milioni). Ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la dichiarazione di Jeff Shell: «Il risultato di Trolls World Tour ha superato le nostre aspettative, dimostrando la viabilità del Premium vod. Quando riapriranno i cinema, usciremo sia sul grande schermo, sia in Pvod».

Affermazione che ha provocato l’immediata risposta di AMC Teatres attraverso una lettera del chair-Ceo Adam Aron indirizzata direttamente a Donna Langley, chairman di Universal Filmed Entertainment: “È deludente per noi, ma i commenti di Jeff sulle azioni e le intenzioni unilaterali di Universal non ci hanno lasciato altra scelta. Pertanto, con effetto immediato, AMC non proietterà più nessun film Universal nei suoi cinema negli Stati Uniti, in Europea e in Medio Oriente”. E continua: "Questa nostra azione non si rivolge esclusivamente a Universal, ma si estende a chiunque non intenda rispettare unilateralmente le attuali window e non intavoli una negoziazione in buona fede per cercare una soluzione che comporti un beneficio sia per l’esercizio che per il distributore, così da non danneggiare nessuno con tali cambiamenti".

Un terremoto a cui Universal ha tentato di porre rimedio nel minor tempo possibile. Poche ore dopo, infatti, la major ha diffuso un comunicato, da cui traspare una critica nei confronti delle dichiarazioni di AMC e della NATO (John Fithian si era espresso a difesa delle window): “Con Trolls 2 abbiamo voluto portare l’entertainment alle persone chiuse in casa, in un momento difficile che ha reso inaccessibili i cinema. E vista la grande risposta del pubblico, pensiamo di aver fatto la scelta giusta”. E continua: “Crediamo assolutamente nell’esperienza cinematografica e non abbiamo mai dichiarato il contrario. Come già detto, in futuro intendiamo distribuire film in sala e, allo stesso tempo, programmare un’uscita in Pvod quando lo riteniamo opportuno. Non vediamo l’ora di portare avanti questa discussione privatamente con i nostri parter dell’esercizio ma siamo delusi da questo intervento, apparentemente coordinato, da parte di AMC e NATO, mirato a confondere la nostra posizione e le nostre azioni”.

Iscriviti alla nostra newsletter

EDITORIALISTI

Paolo Sinopoli

ACCADDE OGGI

  • 20 Settembre 2013
    Da Venezia a Roma: 7mila presenze
    Sono oltre 7mila le presenze registrate dalla 19/a edizione della rassegna cinematografica Da Venezia a Roma. Dall’11 al 18 settembre in 8 giorni di...

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy