08 Aprile 2020  08:30

Cannes, escluso un festival in versione digitale

Valentina Torlaschi
Cannes, escluso un festival in versione digitale

Foto: Antonin Thuillier © / AFP

Per il direttore Thierry Fremaux non ha senso pensare a proiezioni ed eventi in streaming

In base agli ultimi comunicati ufficiali rilasciati ormai diverse settimane fa, il Festival di Cannes è stato posticipato a fine giugno. La diffusione su scala mondiale della pandemia da Coronavirus rende però incerta la sua realizzazione anche in questo nuovo periodo e obbliga l’organizzazione a progettare un rinvio all’anno prossimo o a soluzioni alternative. Tra le soluzioni alternative, il direttore Thierry Fremaux esclude quella di una versione digitale dell’evento con proiezioni dei film in streaming e dirette degli incontri e conferenze stampa online. Come ha dichiarato Fremaux a Variety, «questo modello digitale non può funzionare per un festival come Cannes, non si confaccia alla sua anima, alla sua storia. E poi, c’è la questione che i registi dovrebbero cedere i diritti dei loro film. È pensabile di proiettare i nuovi film di Wes Anderson o Paul Verhoeven, Top Gun 2 o Soul su un computer? Questi film sono stati rinviati per essere proiettati su un grande schermo, perché vorremmo mostrarli prima su un dispositivo digitale?».

Iscriviti alla nostra newsletter

EDITORIALISTI

  • 14 Dicembre 2020
    E ora?
    Cosa fare ora che il Natale è perso, che i cinema (se non ci comporteremo bene durante le festività) riapriranno verso...
Paolo Sinopoli

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy