20 Giugno 2017  13:22

CineEurope: gli adolescenti, questi sconosciuti

Stefano Radice
CineEurope: gli adolescenti, questi sconosciuti

Presentati a Barcellona i risultati di uno studio commissionato da Unic a Gfk sul target 12-25 anni

Alla scoperta del pubblico degli adolescenti per portarli al cinema. Così si potrebbe sintetizzare il convegno di questa mattina che si è svolto nell’ambito di CineEurope a Barcellona. Intitolato “Rebels with a Cause 2 “ e organizzato da Coca Cola, è la seconda parte di un’indagine iniziata l’anno scorso e presentata sempre a CineEurope. Jan Runge, di Unic, ha ricordato alcuni dati emersi nel 2016 e che evidenziavano come si stesse erodendo la presenza del pubblico tra i 15 e i 24 anni negli ultimi anni. In Gran Bretagna, ad esempio, è calata del 7% dal 2008 al 2015 e in Germania è scesa dal 70% al 38%. L’89% degli esercenti intervistati ha dichiarato che il target 12-25 anni è quello chiave; a fronte del 26% degli intervistati che ha dichiarato che questo pubblico è cresciuto negli ultimi dieci anni, il 52% ne ha sottolineato, invece, il calo mentre il 79% ha evidenziato che è molto difficile attrarre i giovani. Quest’anno sono stati presentati i risultati di una ricerca commissionata da Unic a Gfk e che ha riguardato Francia, Germania e Gran Bretagna. Una ricerca che si è strutturata in un’analisi per fasce di età diverse: 18-25, 15-17 e 12-14 anni. Lo studio ha evidenziato come i ragazzi siano molto esigenti con la qualità e la comodità dell’offerta. Il tempo libero a disposizione è percepito essere sempre meno e il cinema è in competizione con altre forme di entertainment. Soprattutto, uscire per andare al cinema richiede uno sforzo ma è considerato una forma molto interessante per occupare il tempo libero e per vivere momenti speciali in condivisione con gli amici. Altro tratto comune, cinema vuol dire immergersi in un altro mondo e per questo fondamentali sono l’atmosfera, il suono, le immagini e la qualità della struttura. I ragazzi non vanno al cinema improvvisando ma pianificano la serata e il 50% abbina la visione di un film ad altro. Chiedono di condividere esperienze con gli amici, avere un contatto stretto. «Questo significa che i cinema devono offrire altro per far vivere esperienze collettive ai ragazzi, permettere di condividere le esperienze prima o dopo il film. E’ necessario offrire un’esperienza intensa» ha dichiarato Susanna Meyer di Gfk. Ci sono poi delle differenze a seconda dell’età. Ai 12-14enni basta vedere film sul grande schermo; i 15-17enni più specificatamente al cinema vogliono vivere esperienze con gli amici; i 18-25enni di base preferiscono stare a casa a vedere un film o andare al cinema per eventi precisi. «Anche se a casa sono disordinatissimi, una volta al cinema i ragazzi chiedono temperatura gradevole, pulizia, spazio, poltrone comode, tempi ridotti per acquistare biglietti, staff accogliente. Chiedono di comprare biglietti e anche cibo direttamente dal telefono, app dedicate, carte fedeltà e la possibilità di consegna del cibo acquistato direttamente in sala. Da parte loro gli esercenti dovrebbero utilizzare più canali quali Twitter o Snapchat per comunicare; entrare in contatto con gli adolescenti attraverso i social media», ha specificato Susanna Meyer. Una via interessante – è stato sottolineato durante il convegno - sarebbe che i cinema si dotassero di canali youtube, in cui magari ospitare blogger, per far arrivare messaggi ai ragazzi. I cinema dovrebbero dotarsi di aree apposite dedicate dove i teenager possano stare prima di entrare in sala o dopo aver visto il film (in questo senso Coca Cola è stata partner di un progetto sperimentale presso un cinema a Tilburg in Olanda che sta dando risultati interessanti). Ha concluso la ricercatrice di Gfk: «Al cinema i ragazzi chiedono un’esperienza più totalizzante, non solo vedere un film ma ampliare l’offerta con più contenuti, come serie tv, partite di videogiochi, eventi sportivi o visione di making off dei film per andare oltre la pellicola».

Contenuti correlati : CineEurope Unic Coca Cola Gfk
Iscriviti alla nostra newsletter

EDITORIALISTI

  • 20 Luglio 2020
    Il coraggio di crederci
    Nonostante il rinvio americano di Tenet a causa del prolungarsi dell’emergenza sanitaria, Warner Bros.
Paolo Sinopoli

ACCADDE OGGI

  • 14 Agosto 2015
    Nastasi dal Mibact a Palazzo Chigi
    Come riportano oggi numerosi organi di stampa, tra cui huffingtonpost.it, Salvatore Nastasi, 42 anni, sarà il nuovo vicesegretario generale di Palazzo Chigi.

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy