17 Gennaio 2008  00:00

David di Donatello: polemica sullo slittamento

BOmv

Per il regista Paolo Virzì (nella foto) lo spostamento al 7 marzo del termine per l’uscita dei film candidabili avvantaggerebbe la commedia di Carlo Verdone

È causa di dibattito lo slittamento al 7 marzo (anziché il 29 febbraio), del termine ultimo per l’uscita nei circuiti commerciali dei film candidabili ai Premi David di Donatello (premiazione il 18 aprile, nomination il 20 marzo). Per il regista Paolo Virzì, infatti, tale spostamento favorirebbe di fatto il film di Carlo Verdone ‘Grande, Grosso e Verdone’, prodotto da Aurelio De Laurentiis e in sala proprio a partire dal 7 marzo, a scapito di altri film italiani (tra cui ‘Tutta la vita davanti’ dello stesso Virzì, in uscita il 14 marzo) . «La decisione presa – ha dichiarato il regista a La Repubblica – mi pare avvantaggiare una sola persona; credo che il consiglio avrebbe dovuto invece tutelare tutto il cinema italiano e allora sarebbe più serio permettere la partecipazione di tutti i numerosi film nazionali in uscita a marzo. Capisco l’esigenza di un produttore di proteggere i propri film, ma quanto accaduto getta discredito sul premio. Mi spiace anche per Verdone che adoro e che, sono convinto, sia estraneo alla manovra».

Iscriviti alla nostra newsletter

EDITORIALISTI

  • 26 Novembre 2020
    E-DUESSE.IT, MAI COSÌ ESSENZIALE
    Già dai primi albori di Duesse Communication nel 2000 era chiara la necessità di informare, stimolare e aggiornare l...
Paolo Sinopoli

ACCADDE OGGI

  • 27 Novembre 2017
    I Wonder, all’insegna delle storie
    È un listino corposo quello di I Wonder Pictures per il primo semestre del 2018, presentato oggi alle Giornate Professionali di Cinema di Sorrento dal Ceo Andrea Romeo.

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy