19 Febbraio 2020  12:48

Guardia di Finanza, operazione contro i fruitori di IPTV illegali

Stefano Radice
Guardia di Finanza, operazione contro i fruitori di IPTV illegali

(foto Pixabay)

Denunciate 223 persone responsabili di aver acquistato abbonamenti pirata su Internet. Plauso della Fapav. Il commento di Francesco Rutelli, presidente Anica

Per la prima volta in Italia sono state identificate e denunciate all’Autorità Giudiziaria 223 persone, responsabili di aver acquistato abbonamenti pirata su Internet che consentivano di vedere i contenuti delle principali piattaforme televisive a pagamento (film, serie ed eventi sportivi).

Il Nucleo Speciale Beni e Servizi della Guardia di Finanza ha condotto una complessa operazione che ha portato all’identificazione dei soggetti responsabili di aver acquistato abbonamenti pirata per accedere ai più diversi canali a pagamento. «L’operazione è tuttora in corso e volta anche all’identificazione di ulteriori possibili soggetti coinvolti», specifica una nota della Guardia di Finanza. «Acquistando abbonamenti di questo tipo i clienti si rendono responsabili del reato di ricettazione. La legge sul diritto d’autore prevede la confisca degli strumenti utilizzati per la fruizione del servizio; di conseguenza, ai 223 clienti in caso di condanna verranno confiscati il proprio televisore, computer e smartphone. Le sanzioni per il cliente prevedono, inoltre, la reclusione fino ad otto anni ad una multa di 25.000 euro, oltre le spese legali. L’attività condotta è volta allo smantellamento di una delle principali modalità di distribuzione illecita dei contenuti, ossia la c.d. IPTV (Internet Protocol Television)».

Fapav - Federazione per la Tutela dei Contenuti Audiovisivi e Multimediali plaude a questa operazione. «Il nostro più sentito apprezzamento per l’attività portata avanti dal Nucleo Speciale Beni e Servizi della Guardia di Finanza», ha commentato il segretario generale Fapav, Federico Bagnoli Rossi. «Un’operazione cruciale che, per la prima volta in Italia, interessa non solo i gestori dei portali pirata ma anche gli stessi fruitori di questi servizi. Azioni di questo tipo sono decisive e devono continuare. La pirateria è un problema ancora troppo sottostimato nella percezione comune. Non possiamo certamente abbassare la guardia proprio adesso che la nostra industria sta vivendo un momento importante di grandi cambiamenti».

Contenuti correlati : guardia di finanza pirateria iptv fapav bagnoli rossi
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Rutelli, operazione senza precedenti

Il Presidente dell'Anica Francesco Rutelli afferma : “E' un’ operazione senza precedenti, che colloca l’Italia in prima linea contro la pirateria: solo responsabilizzando gli utenti si può contrastare la criminalità informatica, salvando migliaia di posti di lavoro e l'avvenire di industrie importanti. E' preziosa l'azione delle Forze dell'Ordine, e in particolare della Guardia di Finanza; è ottimo il lavoro svolto dalla FAPAV in rappresentanza dei mondi creativi e produttivi (anche grazie ad un avanzato Regolamento AGCOM). Sarà possibile assicurare a tutti una vasta, plurale, accessibile e non costosa offerta di contenuti solo se gli utenti saranno scoraggiati a far ricorso a strumenti illeciti. I provvedimenti di oggi vanno in questa doverosa e saggia direzione."

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 22 Maggio 2020
    Ripartiamo, sì. Ma come?
    Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato che, dal 15 giugno, i cinema potranno riaprire, lasciando alle
Vito Sinopoli - Box Office

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy