29 Aprile 2020  13:01

Leone Film Group, ricavi per 70 milioni nel 2019

redazione
Leone Film Group, ricavi per 70 milioni nel 2019

Andrea e Raffaella Leone (Foto Stefano Pinci)

Il Consiglio di Amministrazione di Leone Film Group ha approvato i risultati consolidati per l’anno scorso

Leone Film Group ha comunicato i risultati consolidati al 31 dicembre 2019. Nell’anno scorso, la società ha registrato un fatturato da 70,2 milioni (a fronte dei 122,1 milioni nel 2018), con un utile netto di 1 milione (nel 2018 erano 6,8 milioni) e un indebitamento finanziario netto di 65,3 milioni (49,5 milioni nel 2018). L’EBITDA si è attestato su 29 milioni e l’EBIT su 2,2 milioni. Come sottolineato dal Gruppo, la contrazione dei ricavi è legata al minor numero di produzioni esecutive internazionali, circostanza che però non ha comportato una riduzione del margine stante appunto la bassa marginalità di questa attività. Il fatturato consolidato è risultato comunque superiore a quanto previsto nel Piano Strategico 2019 – 2021 (65,3 milioni) per effetto del miglior risultato ottenuto da entrambe le business unit: LGF con 36,4 milioni e Lotus Production con 34,2 milioni. Tra i successi del Gruppo nel 2019, gli incassi al box office di Green Book (vincitore del premio Oscar come miglior film che, uscito nelle sale il 31 gennaio 2019, è arrivato a oltre 10 mln), After (6,4 mln di euro), Mia e il leone bianco (5,7 mln), Cena con delitto (uscito nelle sale il 5 dicembre 2019, ha superato i 5 mln) e John Wick 3 (3,2 mln).

Andrea e Raffaella Leone, Amministratori Delegati di Leone Film Group, hanno così commentato: “Il 2019 è stato un anno di grandi investimenti per quanto riguarda l’attività di produzione che ha visto la realizzazione di ben 5 importanti produzioni (Gli anni più belli di Gabriele Muccino, Supereroi di Paolo Genovese, The Land of dreams di Nicola Abatangelo, La volta buona di Vincenzo Marra e la serie Tv Tutta colpa di Freud di Rolando Ravello) che esprimeranno le loro potenzialità nel 2020. Per precisa scelta societaria, è stata ridotta l’attività di realizzazione di produzioni esecutive in Italia di serie Tv e film stranieri ad alto budget (nonostante si sia comunque realizzato l’ultimo film di James Bond a Matera), per dinamiche legate al beneficio fiscale del tax credit, che essendosi risolte porteranno tale settore ad essere nuovamente incrementato negli anni a venire, una volta superato il periodo di lock-down dovuto al Coronavirus”.

Iscriviti alla nostra newsletter

EDITORIALISTI

  • 20 Luglio 2020
    Il coraggio di crederci
    Nonostante il rinvio americano di Tenet a causa del prolungarsi dell’emergenza sanitaria, Warner Bros.
Paolo Sinopoli

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy