10 Agosto 2001  00:00

Sentenza: il Garante multa le associazioni cinematografiche

(aut)

Dopo oltre un anno e mezzo di inchiesta, rese note le conclusioni dell’indagine dell’Autorità garante della concorrenza

Sono state rese note le risultanze dell’inchiesta sui rapporti distributori-esercenti. Come annunciato da tempo, nella seduta del 26 luglio l’Autorità Garante della concorrenza e del mercato ha emesso la sentenza definitiva, dopo oltre un anno e mezzo di indagini. Sentenza che è stata di condanna, come previsto, per le intese tra le due categorie e in particolare per gli accordi quadro fra le relative associazioni. L’Anec dalla parte degli esercenti, Unidim e Fidam (la federazione delle major si è sciolta da tempo) hanno posto in essere intese “aventi per oggetto la fissazione dei canoni di noleggio delle pellicole cinematografiche, nonché una concertazione intesa a influenzare la politica dei prezzi di ingresso delle sale”. D’ora in avanti non sarà più possibile. A seguito di questa decisione, l’Autorità ha comminato multe alle associazioni pari al 2% delle quote associative per Anec (26 milioni) e Unidim (11 milioni circa) e 1% per la Fidam (1 milione e 650mila lire), a causa della minor durata della violazione. Il Garante ha messo anche in luce la situazione della piazza di Salerno, dove i principali distributori forniscono i film di prima visione in esclusiva a un solo circuito di sale. Le parti, oltre a porre fine a tali comportamenti, hanno 90 giorni per riferire all’Autorità le misure adottate per rimuovere le infrazioni accertate.

Iscriviti alla nostra newsletter

EDITORIALISTI

Paolo Sinopoli

ACCADDE OGGI

  • 30 Settembre 2015
    Un fondo per coprodurre con la Germania
    Scadono il 15 dicembre le iscrizioni al Fondo di co-sviluppo tra il Mibact e il FFA tedesco. Il budget annuale destinato al supporto dello sviluppo...

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy