21 Ottobre 2014  18:38

Un progetto italocinese

Antonio Autieri
Un progetto italocinese

Il regista Maurizio Sciarra con i produttori Conchita Airoldi e Stephen Lam (foto Pietro Coccia)

Presentato Everlasting Moments, una delle prime coproduzioni a seguito dell’accordo di coproduzione tra i due Paesi. Riprese tra un anno, alla regia Maurizio Sciarra

È stato presentato a Roma Everlasting Moments (Momenti eterni), uno dei primi progetti di coproduzione italocinese, che prende le mosse dell’accordo tra Italia e Cina e che sarà formalizzato nei prossimi giorni dalla produttrice italiana Conchita Airoldi e da Stephen Lam, produttore di Hong-Kong che ha prodotto tra gli altri i recenti A Simple Life e Grandmaster. Il film nasce dall’incontro tra Maurizio Sciarra, che lo dirigerà, e lo sceneggiatore Ni Zhen (tra i suoi script Lanterne rosse, ma ha sceneggiato anche la maggior parte dei film diretti dai registi della “Quinta generazione”): «Sapevo che Ni Zhen aveva scritto una sceneggiatura molto bella e romantica – ha spiegato ad alcuni giornalisti italiani Lam – e per questo ho iniziato a interessarmi del progetto, che si è poi sviluppato in due-tre anni. Poi ho conosciuto Sciarra e mi sono appassionato ai suoi film; infine meno di un anno fa è entrata anche Conchita Airoldi, produttrice di grande esperienza». Lam ha sottolineato l’importanza dei rapporti cinematografici che si stanno sviluppando nei due Paesi: «Il governo italiano sta fornendo un grande sostegno a questo tipo di collaborazioni: il nostro film, su cui sto portando finanziatori cinesi, sarà un’opera d’autore che in Cina – dove spadroneggiano i film s’azione – troverà uno spazio limitato. Ma le sue qualità romantiche lo faranno apprezzare e costituiranno un dialogo tra le due culture: ci interessa realizzare un bel film, più che l’esito economico».

 

Everlasting Moments racconta la storia d’amore impossibile tra un fotografo italiano e una giovane cinese nella regione dello Yunnan, nel 1905: una storia anche di emancipazione femminile (la ragazza, promessa sposa a un bambino, vuole scappare da matrimonio combinato). Dopo le firme contrattuali, imminenti, si definirà il piano finanziario, per iniziare a girare il film entro il 2015. Per Conchita Airoldi è stato fondamentale il lavoro svolto dall’Italia con la Cina, culminato nella nuova edizione del China Day di Roma, «che ha avuto un riscontro enorme, con tantissimi operatori cinesi; bisogna ringraziare Giorgio Gosetti e Rossella Mercurio per il lavoro svolto. Ora c’è la forte volontà di fare coproduzioni tra i due Paesi». L’accordo con Lam, ha aggiunto la produttrice, è già molto preciso, «al 50% tra noi e loro, ma con possibilità che la parte cinese cresca; è solo da definire in alcuni dettagli e da firmare. Stiamo pensando ai protagonisti: ci sarà sicuramente un’attrice cinese molto famosa e un grande attore italiano o europeo. Il budget? Lo fisseremo una volta avuta la sceneggiatura definitiva, ma un film simile può costare attorno ai due milioni e mezzo di euro; in Cina produrre un film costa meno». Ma non sono le valenze economiche il motore della coproduzione, come ha sottolineato Maurizio Sciarra, «ma l’incontro tra due autori, io e Ni Zhen, e il ponte tra due culture che questa storia rappresenta». Per il regista, il progetto dimostra che il sistema Italia stavolta ha funzionato: «Quando ho iniziato, tanti anni fa, a immaginare un film in Cina ero da solo; ora c’è un sistema Paese che si è mosso. Il sogno di “aggredire” il mercato più grande del mondo è diventato realtà. L’Italia si è mossa bene, unita, dai produttori agli autori con il sostegno del Ministero. Mi sento molto protetto in questa opera che ho fortemente voluto: ho alle spalle due produttori esperti e curiosi, consapevoli che alla base del progetto c’è una storia e chi la realizza».

 

Le riprese dovrebbero partire nell’autunno 2015 nello Yunnan, in esterni, con una piccola parte di riprese in interni e una settimana di esterni in Italia. Ancora da definire la distribuzione italiana.

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 11 Marzo 2020
    Lezione coreana a Hollywood
    La vittoria di Parasite di Bong Joon-ho agli Oscar è stata davvero dirompente. Non ci sono altri aggettivi, tanto è...
Stefano Radice

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy