06 Marzo 2017  09:49

Alibaba interessata al Made in Italy, non all’Italia

Elena Reguzzoni
Alibaba interessata al Made in Italy, non all’Italia

L’obiettivo della sede italiana è infatti quello di far sbarcare sul suo marketplace il numero più grande possibili di aziende italiane soprattutto della moda, del food e dell’arredamento

L’arrivo nel 2015 sul mercato italiano di Alibaba, il marketplace cinese leader nella RPC ed etailer N.1 a livello mondiale, con l’apertura di una sede a Milano guidata da Rodrigo Cipriani Foresio, ex manager di Mediashopping, ha impensierito il retail italiano, technical incluso, dopo l’arrivo di eBay e di Amazon.

Da quanto dichiarato però dal managing director anche recentemente a un noto quotidiano, il colosso cinese delle vendite on line è soprattutto interessato al Made in Italy e molto meno a ritagliarsi (per il momento) una quota negli acquisti digitali degli italiani. Il manager infatti definisce Alibaba “una grande opportunità per vendere in Cina”. L’obiettivo primario della sede italiana (che controlla tutto il Sud Europa) è infatti quello di far sbarcare sul suo marketplace il numero più grande possibili di aziende italiane soprattutto della moda, del food e dell’arredamento, aree alle quali il ricco pubblico cinese è particolarmente interessato. Al momento sono 146 gli store italiani attivi sulla piattaforma di cui 50 aperti nel 2016.

Contenuti correlati : Mediashopping Rodrigo Cipriani Foresio retail italiano technical Alibaba
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI