17 Gennaio 2017  09:16

“Che noia fare acquisti in store”

Gianfranco Caccamo
“Che noia fare acquisti in store”

Il report “Why Physical Retail Stores Need a Reboot” di Capgemini Consulting evidenzia come per una percentuale elevata di consumatori italiani sia noioso far shopping nei negozi tradizionali

Il 39% dei consumatori italiani preferirebbe lavare i piatti o i vestiti invece di andare a fare spese nei negozi fisici, mentre il 42% pensa che fare shopping in store è solo una delle cose da dover fare, in entrambi i casi fare shopping nei negozi tradizionali equivale praticamente ad un’attività quasi noiosa, e priva di stimoli. Almeno è quanto emerge dal report Making the Digital Connection:

 

“Why Physical Retail Stores Need a Reboot” realizzato dal Digital Transformation Institute di Capgemini Consulting. Uno studio svolto in nove Paesi, tra cui l’Italia. «Gli acquirenti sono sempre più lontani dall’esperienza in-store, ed è facile capire perché» ha evidenziato Emiliano Rantucci, vice president e Responsabile Consumer Products & Retail di Capgemini Italia «La maggior parte dei negozi fisici rimane infatti testardamente ‘offline’, incapace di offrire la velocità, la flessibilità e la facilità d’uso che i consumatori ora trovano nei siti web. Le voci diffuse circa il rapido declino del negozio fisico possono essere esagerate, ma si avvicinano comunque alla realtà. Molti retailer con cui abbiamo parlato ammettono tra l’altro di avere difficoltà nella rapida digitalizzazione dei punti vendita a causa della difficoltà di reperire adeguati investimenti. Questo report chiarisce che la vera domanda che i retailer debbono porsi non è tanto se possano permettersi di trasformare l’esperienza in-store, quanto piuttosto se possano permettersi di non farlo».

La ricerca di Capgemini evidenzia comunque che per i consumatori i punti vendita conservano sempre un ruolo importante, soprattutto per la possibilità di toccare con mano il prodotto. Detto ciò i consumatori chiedono ai negozi non solo di coprire tutte le funzioni offerte dall’online - come il conoscere la disponibilità del prodotto prima di recarsi in negozio o la consegna in store in giornata – ma, vogliono negozi che vadano oltre al semplice vendita di prodotto: il 59% degli italiani vorrebbe che gli store avessero spazi di socialità, in cui far corsi di cucina o fai da te, inoltre il 66% degli italiani si aspetta punti fedeltà per ogni visita del negozio. «I negozi del futuro dovranno essere parecchio diversi se vogliono dare ai consumatori un motivo per abbandonare il computer, lasciar perdere i piatti da lavare e andare a visitare un punto vendita», prosegue Emiliano Rantucci. «Quel che emerge chiaramente da questo report è che i negozi hanno ancora un ruolo importante da giocare. Il settore assisterà nei prossimi anni a una battaglia affascinante per definire le esatte caratteristiche della nuova generazione dei negozi. La sfida per creare una esperienza retail moderna è ormai chiara e vede l’opposizione tra i retailer tradizionali, con una lunga storia di successo nella gestione di negozi fisici e i nuovi player digitali, focalizzati su internet e sulla tecnologia mobile».

Contenuti correlati : Capgemini Consulting negozi tradizionali in store consumatori noia shopping

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI