24 Marzo 2015  09:22

Confermata l’ipotesi di omesso versamento Ires di Apple

Elena Reguzzoni
Confermata l’ipotesi di omesso versamento Ires di Apple

L’evasione contesta dalla Procura di Milano sarebbe pari a 879 milioni di euro negli anni dal 2008 al 2013

Ironia della sorte, ieri Apple è stata valutata un triliardo di dollari e nello stesso giorno la Procura di Milano ha chiuso le indagini per presunta evasione fiscale nei confronti di tre manager del colosso di Cupertino – per la precisione Enzo Biagini, il legale rappresentante e ad di Apple Italia, Mauro Cardaio, direttore finanziario e un manager della sede irlandese – confermando l’ipotesi di omesso versamento dell'Ires per un totale di circa 879 milioni di euro in 5 anni in base all’art. 5 del Decreto legislativo 74/2000. Secondo l’indagine, coordinata dalla Procura milanese e condotta dagli uomini della direzione regionale lombarda dell’Agenzia delle Dogane e dell’Agenzia delle Entrate, i profitti realizzati in Italia dalla multinazionale, sarebbero stati contabilizzati dalla società irlandese dove il regime fiscale è decisamente meno gravoso. Uno schema seguito da diversi colossi internazionali che non a caso sono oggetto di verifica sul nostro territorio e in altri Paesi. L’indagine è stata avviata due anni fa con verifiche sugli anni fiscali 2010 e 2011 per poi estendersi ai cinque anni che vanno dal 2008 al 2013. Non è escluso che il colosso di Cupertino cerchi un’intesa con l’Agenzia delle Entrate come fatto da altre società per veder alleggerita la propria posizione.

Contenuti correlati : Enzo Biagini Agenzia delle Dogane Cupertino Ires Apple evasione fiscale Agenzia delle Entrate

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI

  • 14 Novembre 2014
    Maleficent resiste a The Walking Dead
    Maleficent (Walt Disney) non ne vuol sapere di lasciare la propria leadership attuale nel mercato home video. Anche nelle classifiche dei titoli più