08 Marzo 2017  09:46

Il consumatore è al potere?

Roberta Broch
Il consumatore è al potere?

Si è svolto a Milano l’incontro di Eumetra Monterosa, in cui l’istituto di ricerca ha tratteggiato come è possibile ricostruire un’economia centrata sul benessere del nuovo cittadino-consumatore

Ha un titolo provocatorio - “2017: il consumatore al potere?” - l’incontro di Eumetra Monterosa svoltosi ieri a Milano.

Il seminario, che ha visto la partecipazione, fra gli altri, di Remo Lucchi, presidente advisory board della società di ricerca, e di Renato Mannheimer, è partito dall’inquadrare la situazione presente, dove “C’è un cambiamento strutturale in atto ormai da anni, a cui riusciamo a dare risposte solo congiunturali, mentre abbiamo bisogno di un nuovo approccio”.

Il consumatore odierno, con più attenzione alla relazionalità e dotato di maggior senso critico rispetto al passato, ha una maggiore presa di coscienza di sé come individuo unico, aldilà di ideologie più che tramontate, ed è alla ricerca di quello che viene definito “benessere armonico”, non legato essenzialmente alla sfera economica, ma anche a quella psicofisica.

La rivoluzione del nuovo consumatore sotto il profilo economico, è fatta di consumatori che si dicono soddisfatti e poi abbandonano senza ripensamenti il marchio di cui erano clienti. È interpretata da consumatori che puniscono silenziosamente le aziende che non si comportano come loro vorrebbero, semplicemente trascurandole.

Secondo l’istituto di ricerca è possibile ricostruire un’economia centrata sul benessere del cittadino-consumatore. In particolare: la marca deve diventare una wellness company per il suo cliente (dare certezze, fondare un “marketing a tasso zero”: zero manipolazioni, zero fregature, ecc.); il contratto con il nuovo consumatore deve essere molto più rispettoso, sia nella forma che nella sostanza; la proattività a favore del consumatore deve essere la regola; il prodotto-servizio deve nascere dal dialogo con il consumatore, con maggior valorizzazione del ruolo relazionale e di connessione emozionale fra azienda e consumatore-cittadino; il personale dell’azienda ha in questo un ruolo molto importante, difficilmente risolvibile con approcci di puro upgrade tecnologico. La tecnologia deve abilitare e dare reale potere al consumatore.

Il punto fondamentale, in conclusione, secondo gli esponenti di ricerca, è che sta nascendo (è già nato da anni, in realtà…) un nuovo cittadino consumatore, con una nuova e più evoluta gerarchia di bisogni da soddisfare. Avere con lui una relazione produttiva richiederà di connettersi, emotivamente e praticamente, con questo nuovo scenario.

Contenuti correlati : Renato Mannheimer Remo Lucchi potere Eumetra Monterosa cittadino consumatore seminario istituto di ricerca
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI

  • 27 Febbraio 2006
    Actebis: accordo distributivo con Lenovo
    Actebis Computer S.p.A. e Lenovo hanno siglato un accordo per la distribuzione dei prodotti del marchio cinese su tutto il territorio italiano.