15 Febbraio 2019  12:22

Smart home, gli elettrodomestici connessi incidono per il 14% del mercato

Roberta Broch
Smart home, gli elettrodomestici connessi incidono per il 14% del mercato

Il nostro Paese genera un giro d’affari contenuto in questo settore: 380 milioni di euro, in Europa solo la Spagna fa peggio di noi

L’arrivo in Italia di prodotti come gli smart home speaker Google Home e Amazon Echo hanno modificato gli equilibri del settore della ‘casa connessa’, che ha raggiunto lo scorso anno un valore di 380 milioni di euro, in crescita del 52% rispetto al 2017, spingendo le vendite degli altri oggetti connessi, soprattutto legati al riscaldamento e all’illuminazione. Il trend di crescita del mercato italiano è superiore a quello dei principali paesi europei. In termini assoluti, però, l’Italia si colloca davanti solo alla Spagna (300 milioni di euro, +59%), mentre è ancora ampio il divario con Germania (1,8 miliardi, +39%), Regno Unito (1,7 miliardi, +39%) e Francia (800 milioni, +47%). Sono alcuni dei risultati della ricerca sulla Smart Home dell’Osservatorio Internet of Things della School of Management del Politecnico di Milano. Insieme al mercato crescono anche il livello di conoscenza e la diffusione degli oggetti connessi nelle case degli italiani: il 59% ha sentito parlare almeno una volta di casa intelligente e il 41% possiede almeno un oggetto smart, con le soluzioni per sicurezza (come sensori per porte e finestre) in prima posizione. Quest’ultimo segmento vale 130 milioni di euro, pari al 35% del mercato. In seconda posizione troviamo la principale novità del 2018, gli smart home speaker, che oltre a generare vendite per 60 milioni di euro (16% del mercato), hanno direttamente o indirettamente trainato buona parte della crescita complessiva. Di poco inferiori le vendite degli elettrodomestici, pari a 55 milioni di euro e al 14% del totale, fra cui spiccano le lavatrici - connesse, controllabili via App e dotate in alcuni casi anche di assistente vocale - che continuano a trainare le vendite del comparto. Si allarga l’offerta, ma l’utilizzo delle funzionalità smart è un’abitudine solo per il 25% degli utenti che posseggono un elettrodomestico connesso (in crescita rispetto al 15% del 2017). Caldaie, termostati e condizionatori connessi per la gestione del riscaldamento e della climatizzazione incidono per il 12% del mercato (circa 45 milioni di euro), con un incremento dovuto alla crescente integrazione con gli assistenti vocali e alla possibilità per il consumatore di ottenere benefici importanti in termini di risparmio energetico e comfort. Tra le rimanenti soluzioni spiccano con una crescita del +50% le soluzioni per la gestione dell’illuminazione(lampadine connesse). Il boom degli assistenti vocali ha favorito soprattutto i retailer online e offline, che insieme incidono per il 40% del mercato (in crescita del 160% rispetto al 2017), a scapito della filiera tradizionale - produttori, architetti, costruttori edili, distributori di materiale elettrico e installatori – che mantiene un ruolo di primo piano ma perde terreno in termini di quote di mercato (dal 70% del 2017 al 50% di quest’anno).

 

Contenuti correlati : Google Home Amazon Echo smart home Internet of Things Politecnico di Milano
Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI

  • 24 Settembre 2018
    Reputazione: Lego al primo posto
    Lo studio internazionale Eu5 RepTrank 2018, il più grande studio di reputazione aziendale condotto da Reputation Institute su oltre 140 multinazionali...