27 Ottobre 2016  12:09

Cresce nei primi nove mesi la domanda di mutui

Elena Rembado
Cresce nei primi nove mesi la domanda di mutui

Secondo il Sistema di Informazioni Creditizie di Crif, le richieste hanno registrato un incremento dell’11,6% rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente

I primi nove mesi del 2016 confermano il consolidamento, in atto ormai da tre anni, delle richieste di nuovi mutui e surroghe da parte delle famiglie italiane, che fanno registrare un +11,6% rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno. È stata così superata la flessione rilevata nel bimestre giugno-luglio, anche se, nello specifico, settembre ha visto un incremento più contenuto, pari al 6% rispetto allo stesso mese del 2015.
Secondo il Sistema di Informazioni Creditizie di Crif, il ritorno della domanda di mutui verso i volumi pre-crisi è “sostenuto dai bassi tassi di interesse applicati e dalle condizioni del mercato immobiliare, che continuano a mantenersi appetibili”.

Per quanto riguarda l’importo medio richiesto, l’ultima rilevazione del Barometro Crif segnala che a settembre il valore medio richiesto si è attestato a 122.945 euro (+2% rispetto a settembre 2015, quando era risultato pari a 120.525 euro). Considerando però che nel mese di settembre degli anni a cavallo tra il 2009 e il 2011 l’importo medio richiesto si aggirava stabilmente intorno ai 136 mila euro, sembra improbabile, almeno nell’immediato futuro, un ritorno ai valori pre-crisi. Il fatto che gli italiani negli ultimi anni si siano orientati verso importi più contenuti, nel tentativo di ridurre quanto più possibile l’impatto della rata sul reddito familiare, è confermato anche dalla distribuzione delle richieste per fascia di importo: nei primi nove mesi del 2016 le preferenze degli italiani si sono concentrate nella classe compresa tra 100 mila e 150 mila euro, con una quota pari al 29,3% del totale.

Nel complesso, quasi quattro domande su cinque (il 77,8%) presentano un importo inferiore ai 150 mila euro.
la durata compresa tra i 16 e i 20 anni è risultata la preferita dalle famiglie italiane, con una quota pari al 23,8%, seguita a ruota dalla fascia tra i 21 e i 25 anni, con il 20,7%.


Osservando, infine, la distribuzione della domanda di mutui in relazione all’età del richiedente, l’ultima analisi Crif mette in evidenza una maggior concentrazione nella fascia compresa tra i 35 e i 44 anni, con una quota pari al 36%. Complessivamente, circa due terzi delle richieste sono state presentate da under 44.

Contenuti correlati : importo medio fascia età mutui surroghe Barometro Crif analisi domanda tassi d’interesse rata bilancio familiare

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 03 Ottobre 2019
    Traffico= fatturato?
    Come afferma un noto rivenditore romano, da tempo il canale soffre di un malessere condiviso, ovvero la “sindrome del negozio vuoto”.
Arianna Sorbara - Progetto Cucina

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Cucine e Built In

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy