23 Luglio 2015  11:48

Whirlpool: positivo il referendum dei lavoratori italiani

Anna Montalbetti
Whirlpool: positivo il referendum dei lavoratori italiani

A breve la firma ufficiale dell’accordo

L’accordo siglato da Whirlpool con i sindacati è stato approvato dai lavoratori italiani del Gruppo americano tramite un referendum e si attende per domani la firma definitiva, come riporta il “Corriere della sera” di oggi. L’intesa “è stata raggiunta grazie al contributo di tutte le parti coinvolte, sindacati e Governo” ha dichiarato Davide Castiglioni, Ceo di Whirlpool Italy e vice president industrial operations di Whirlpool Emea. Scongiurata la chiusura di alcuni siti produttivi, come quello di Carinaro, in Campania, e confermati gli investimenti di oltre 500 milioni di euro. Verranno mantenute inoltre due sedi amministrative, una in Lombardia e una nelle Marche, sede di Indesit.

In un’ampia intervista a “Varesenews”, Esther Berropze, president di Whirlpool Emea, ritorna sugli avvenimenti degli ultimi mesi: “La prima presentazione del piano venne vista come una bomba, ma in realtà la nostra posizione è rimasta la stessa. Lungo il percorso abbiamo capito che c’erano seri problemi sociali nell’area campana e così abbiamo rivisto lì alcune cose. C’è stata attenzione all’ascolto”, ha commentato la manager, che sottolinea però la necessità di migliorare la produttività: “Il piano industriale parte dall’Italia ma comprende tutta l’area Emea. Qui abbiamo un terzo dei dipendenti ed è quello dove produciamo maggiormente non solo per l’Italia ma per tutti i Paesi. Abbiamo definito problematiche e opportunità certi che il problema fondamentale non è il costo della mano d’opera, ma la scarsa capacità produttiva delle fabbriche. Il primo punto è semplificare specializzando ogni luogo sullo specifico prodotto. Poi dobbiamo aumentare la capacità produttiva, che passerà dal 50 al 70%, e di seguito ci siamo prefissati di modernizzare con un corposo e impegnativo piano di investimenti. Questi erano gli obiettivi. La negoziazione è stata difficile ma alla fine siamo riusciti a mettere insieme tutti: sindacato, azienda e istituzioni”. E sul ruolo che ora avrà il Gruppo nel Vecchio continente ha concluso: “In Europa non siamo mai stati il numero uno. Sappiamo che il percorso è difficile ma guardiamo con fiducia le sfide che ci attendono”.

Il “Corriere della sera” sottolinea che qualche preoccupazione rimane per i “colletti bianchi”, per i quali continuerebbero a essere previsti degli esuberi sia in Lombardia sia nelle Marche.

Contenuti correlati : fabbriche Whirlpool Indesit referendum sindacati Governo Carinaro
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 20 Luglio 2020
    Da insegna a brand
    Se da un lato l’industria non smette di investire per costruire un’identità di marca importante - e le numerose...
Arianna Sorbara - Progetto Cucina

ACCADDE OGGI

  • 24 Settembre 2010
    Argo nello showroom Acqua Experience
    Si inaugura oggi, presso il centro commerciale Gli Orsi di Biella, il primo showroom Acqua Experience, un progetto, più che un semplice negozio, che...

Ricevi la Newsletter!

Cucine e Built In

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy