11 Aprile 2016  16:18

Ecommerce, chi ci crede davvero?

Roberta Broch
Ecommerce, chi ci crede davvero?

L’online sta progressivamente guadagnando terreno anche nella vendita di piccoli e grandi elettrodomestici. Quali realtà accelerano più di altre? Perché? Il punto di vista di Expert Italy, Mediamarket ed Eprice

Che l’ecommerce nel settore technical sia destinato a occupare un’importanza crescente non è una sorpresa per nessuno: lo testimoniano i dati dell’Osservatorio del Politecnico sulle vendite online, e il fatto che il tema sia particolarmente “caldo” fra le insegne eldom, impegnate a trovare “il giusto compromesso” fra la vendita su reti fisiche e online. Un equilibrio ancora lontano dall’essere trovato se si guardano i dati, in cui i grandi protagonisti della crescita dell’online sono i pure player, mentre, per ora, i retailer multicanale sembrano occupare un ruolo sempre più di follower. Chi guarda i dati di GfK non manca di osservare che la share dei cosiddetti click and mortar si è fermata al 15% confermando che anno dopo anno sono i pure player, che hanno accelerato e di molto. Nello stesso tempo, alcune categorie, come il ped, riportano pesi delle vendite online ben più importanti del 9,5% medio riportato nel 2015 dall’ecommerce sul totale vendite nel canale retail. È importante capire quindi come sta evolvendo questo settore, le principali sfide e i nodi decisivi ancora da sciogliere.

 

Secondo l’Osservatorio 2015 sull’ecommerce B2C di Netcomm – Politecnico di Milano lo scorso anno le vendite dei technical goods nel canale liquido – prima categoria nel perimetro delle vendite online in termini di prodotti e beni - hanno registrato una crescita del 21% rispetto all’anno precedente, rappresentando così il 13% del totale vendite online e, stima l’Osservatorio, generando un giro d’affari complessivo di 2,2 miliardi di euro.

 

Dati molto positivi, sembrerebbe, ma il quadro non è così luminoso. Puntualizza Riccardo Mangiaracina, direttore dell’Osservatorio: “Se nel settore dell’ecommerce a livello generale sono le Dotcom a trainare la crescita, questo vale in modo particolare nel technical, dove il gap fra gli etailer e i click and mortar è veramente ampio, e difficilmente colmabile se le insegne non metteranno in campo “correttivi strategici”.

 

L’articolo è disponibile in forma completa sul numero di aprile di Trade Bianco e contiene il punto di vista di Roberto Omati, direttore generale di Expert Italy, Mario De Pilla, Coo di Mediamarket, e Raul Stella, ad di Eprice.

 

 

Contenuti correlati : Expert Italy Osservatorio ecommerce Mediamarket Eprice technical goods vendite Politecnico

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.