22 Aprile 2016  15:24

La contraffazione vista dai player dell’Industria

silvia balduzzi
La contraffazione vista dai player dell’Industria

Rita Bucchi

La parola a Rita Bucchi, Direttore Amministrativo di Clementoni

Qual è la vostra opinione riguardo la situazione della contraffazione nel mercato del Giocattolo in Italia?

 

«La situazione della contraffazione nel nostro Paese così come a livello europeo è peggiorata negli ultimi anni, causando danni economici nonché danni occupazionali a tutte le aziende del settore. Il pericolo maggiore però è ovviamente quello di un danno al consumatore finale, il bambino, vero soggetto da tutelare nei confronti di un giocattolo contraffatto».

 

Come cercate di difendervi dal mercato del falso?

 

«Fra gli strumenti adottati c’è sicuramente l’uso di sistemi di certificazioni di qualità, il deposito di marchi, brevetti e di disegni-modelli ornamentali per il packaging».

 

Quali tipo di operazioni ritenete siano necessarie per contrastare il mercato del falso?

 

«Sicuramente è necessario punire chi vende giocattoli “non a norma” e favorire i sistemi di riconoscimento dei prodotti non contraffatti, è necessario inoltre aumentare la diffusione di sistemi di certificazione doganali con conseguente reale diminuzione dei controlli delle imprese “virtuose” e accanimento di tutti i soggetti importatori privi di certificazioni e non conosciuti nel mercato del giocattolo, cinesi in primis».

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 25 Ottobre 2017
    Una tattica vincente
     La vendita, come sappiamo tutti, non è un ripiego, ma una vera e propria arte che si può apprendere anche mutuando...
Silvia Balduzzi - Toy Store

Contenuto Sponsorizzato

ACCADDE OGGI