18 Settembre 2013  15:12

Mister Toys, frode al fisco da 114 milioni

TSgc
Mister Toys, frode al fisco da 114 milioni

I due titolari, Mauro e Luigi Cattaneo, accusati di aver importato giocattoli senza passare dalla dogana, sono agli arresti domiciliari

I titolari dell’insegna Mister Toys, Mauro e Luigi Cattaneo, sono accusati di frode fiscale per 114 milioni e per questo sono agli arresti domiciliari. Secondo gli inquirenti, i due importavano giocattoli dalla Cina senza passare dalla dogana, utilizzando società appositamente create in vari Paesi europei poi fatte fallire. I prodotti, che ufficialmente arrivavano a Capodistria, in Slovenia, ma in realtà finivano direttamente a Trieste, venivano commercializzati in tutta Italia nei negozi Mister Toys ed esportati in Austria, Germania, Belgio, Gran Bretagna e Slovenia, utilizzando il sistema delle frodi "carosello", cioè fatture false tra aziende, per evadere l’Iva. L’indagine coinvolge 25 gli indagati, tutti per frode, e 37 società, tra cui le ditte individuali Unistore Corporation di Armando Paciello, la Jolly Service di Giuseppe Italiano e la General Store srl. Il provvedimento cautelare, emesso dal gip di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), è stato accompagnato da sequestro dei beni per oltre 14 milioni di euro.

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

ACCADDE OGGI

  • 18 Ottobre 2005
    Bburago: parte la procedura di fallimento
    Le offerte per acquistare Bburago, la nota azienda di modellini giocattolo del milanese, dovevano arrivare entro il 15 ottobre e dovevano partire da...

Ricevi la Newsletter!

Giocattoli

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy