24 Aprile 2015  16:26

Agcom fa luce sull’informazione in Italia

Eliana Corti
Agcom fa luce sull’informazione in Italia

Negli ultimi cinque anni i media classici hanno perso quasi due miliardi di euro. In Rai il maggior numero di giornalisti

Negli ultimi cinque anni tv, quotidiani e radio hanno perso circa due miliardi di euro, per un -16%; mentre è cresciuto internet, i cui ricavi pesano per il 15% del totale, ma è ancora lontano da un modello sostenibile sul fronte informazione. A dirlo sono i risultati dell’”Indagine conoscitiva su informazione e internet in Italia. Modelli di business, consumi, professioni”, pubblicata da Agcom. Secondo il rapporto, attualmente sono attivi circa 36mila giornalisti, contro i 113mila iscritti all’Ordine e 58,4mila all’Inpgi. In particolare, a Rai va il primato delle redazioni più “affollate”: 1,9mila giornalisti di cui 1,1mila circa attivi nelle redazioni nazionali e 770 in quelle locali. Mediaset (con Mondadori) ne conta 681, Sky 408 e La7 204. Tutti e tre i broadcaster hanno solo redazioni nazionali. Secondo il rapporto, attualmente sono attivi circa 36mila giornalisti, contro i 113mila iscritti all’Ordine e 58,4mila all’Inpgi. In allegato, il documento Agcom.

 

Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 07 Ottobre 2020
    New Normal, NEW TV
    C’è un’espressione ricorrente in queste settimane di ripresa autunnale, seguita al terribile lockdown del Paese, ed è New Normal.
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy