05 Febbraio 2015  11:10

Discovery Italia entra in Pubblicità Progresso

linda parrinello
Discovery Italia entra in Pubblicità Progresso

Alberto Contri

La Fondazione annuncia l’ingresso tra i soci dei 14 canali del gruppo

Fondazione Pubblicità Progresso allarga il proprio numero di soci con l’ingresso di Discovery Italia, terzo editore italiano per share, presente in Italia su tutte le piattaforme con un portfolio di 14 canali. “Siamo davvero lieti di annunciare l'ingresso nella compagine dei soci promotori della Fondazione Pubblicità Progresso di Discovery Italia”, dichiara Alberto Contri, Presidente di Pubblicità Progresso. “Siamo convinti – aggiunge – che il dinamismo mostrato da quello che è diventato il terzo polo televisivo italiano si rivelerà positivo anche per la comunicazione sociale”.

“Siamo onorati di entrare a far parte di Pubblicità Progresso”, ha dichiarato Alessandro Araimo, Chief Operating Officer Discovery Southern Europe. “In Discovery Italia l’attenzione nei confronti dei temi sociali è da sempre parte integrante della cultura aziendale, sostenuta e animata da una particolare sensibilità del nostro gruppo a livello mondiale”

 

Oltre a Discovery Italia, sono soci della fondazione: AAPI Associazione aziende pubblicitarie italiane; ASSIRM Associazione tra Istituti di Ricerche di Mercato, Sociali, di Opinione; ASSOCOM Associazione delle imprese di comunicazione; FIEG Associazione italiana editori giornali; IAP Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria; PUBLITALIA ’80 Concessionaria di pubblicità del gruppo Mediaset; RAI Radiotelevisione italiana; UNICOM Unione nazionale imprese di comunicazione; UPA Utenti Pubblicità Associati; SKY ITALIA; San Marino RTV; Google Italia; Facebook.

Contenuti correlati : Pubblicità Progresso Contri Discovery Italia share piattaforme
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 07 Ottobre 2020
    New Normal, NEW TV
    C’è un’espressione ricorrente in queste settimane di ripresa autunnale, seguita al terribile lockdown del Paese, ed è New Normal.
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 30 Ottobre 2015
    Sì al tetto agli spot per le pay tv
    I diversi tetti agli spot tra tv in chiaro e a pagamento sono legittimi: lo ha stabilito la Corte Costituzionale con la sentenza 210 (relatore, Giuliano...

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy