25 Settembre 2017  11:57

Gli autori sostengono il raddoppio delle quote di investimento

Eliana Corti
Gli autori sostengono il raddoppio delle quote di investimento

“È uno stimolo alla concorrenza e alla crescita industriale del settore”

Dopo il coro unanime dei broadcaster contro l’innalzamento delle quote di investimento sui prodotto audiovisivi nazionali ed europei e delle quote di programmazione sulle varie piattaforme (Ott comprese) di distribuzione proposto dal ministro MiBact Dario Franceschini, arriva invece il supporto alla riforma da parte degli autori italiani. 100autori, Anac, Asifa, Doc/it e Wgi si sono tutte schierate a favore della modifica del Tusmar: «Potrebbe attivare un circolo virtuoso in grado di incrementare la concorrenza – e quindi la qualità - nel cinema e nella fiction tv, nei documentari e nelle opere d’animazione, e di stimolare la crescita industriale di tutto il settore». Il nuovo quadro legislativo, spiegano gli autori in una nota, potrà aiutare a ridefinire «linee e modelli editoriali capaci di innovare forma e contenuto della creazione cinematografica e televisiva, soprattutto a vantaggio di un pubblico sempre più esigente». Franceschini incassa così il sostegno degli autori, nonostante questi rilevino alcuni elementi di criticità nel suo testo, dalla «scarsa incisività della disciplina sanzionatoria e l’assenza di un prelievo alle Ott» alle limitazioni applicate alle sottoquote relative all’animazione.

Contenuti correlati : Doc/it Wgi mibact quote audiovisivo franceschini 100autori Anac Asifa
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 05 Giugno 2020
    La TV specchio del futuro
    Karl Popper sosteneva che il futuro fosse aperto, che dipende dalle nostre azioni, che a loro volta dipendono dai nostri...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 13 Luglio 2010
    Canone Rai: Romani contro l’evasione
    «Abbiamo studiato una norma per agganciare il canone Rai al possesso dell’utenza elettrica, superando così il problema di legarlo alla bolletta...

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy