07 Marzo 2019  13:00

Mediobanca fotografa la televisione italiana

Eliana Corti
Mediobanca fotografa la televisione italiana

©Pixabay

Grazie alle attività all’estero Mediaset è primo operatore per fatturato

Oltre il 90% del mercato tv è in mano a tre big: lo spiega l’ultima edizione del Focus Tv dell’Area Studi Mediobanca, che analizza le dinamiche dei cinque principali operatori televisivi italiani nel periodo 2013-2017 e che mette a confronto il gruppo Rai e i principali servizi pubblici europei. In particolare, il settore «televisione e radio» ha subìto una lieve contrazione, con il giro d’affari attestatosi a quota 8,8 mld di euro (-l’1,1% rispetto al 2016). Il mercato si conferma fortemente concentrato, con i tre operatori principali (Rai, Mediaset e Sky Italia) che detengono congiuntamente circa il 90% dei ricavi televisivi totali. La tv in chiaro, nonostante un giro d’affari in calo del -2,9% rispetto al 2016, continua a costituire la porzione più ampia del settore (54%), con Rai che vale il 48,4% del comparto seguita da Mediaset (34%), Discovery Italia (4,4%), La7 (2,4%) e Sky Italia (1,7%). La tv pay si attesta, invece, sui 3,4 mld di euro nel 2017 (+1,4% sul 2016) ed è dominata da Sky Italia (77%), seguita da Mediaset (19,8%). I cinque principali gruppi italiani (Mediaset, Sky Italia, Rai, Discovery Italia e La7) hanno chiuso il 2017 con un fatturato aggregato di 9,4mld di euro (1,1mld realizzato all’estero), per una flessione dell’1,4%, ma in aumento rispetto al 2013 (+3,5%). La contrazione è imputabile a due fattori: la diminuzione del canone unitario Rai, passato da 100,0 a 90,0 euro nel 2017 e il calo della raccolta pubblicitaria (-0,5% sul 2016). I servizi pay (abbonamenti e pay per view) segnano invece un +2%.

 

Mediaset, con 3,6 mld di fatturato nel 2017, è il primo operatore per fatturato, pur registrando un calo dello 0,8% sul 2016, grazie anche a quell’1,1mld di fatturato realizzato con le attività all’estero, principalmente con Mediaset Espana. Il mercato spagnolo permette a Mediaset di posizionarsi davanti a Sky Italia (2,8 mld, +2,1%) che, però, considerando solo i ricavi nazionali, scalzerebbe il competitor dal primo posto. «Sull’ultimo gradino del podio Rai (2,6 mld), in calo del -6,6%, complice proprio la riduzione del canone, seguita da Discovery Italia (244 mln, +9,9%) e La7 (99 mln, -3,9%)». Nel quinquennio 2013-2017, i cinque grandi gruppi hanno accumulato perdite nette per €321 mln chiudendo in utile solo il 2017. Gli unici operatori ad aver chiuso in positivo l’intero periodo considerato sono Sky (118 mln) e Discovery (31 mln). «Per quanto riguarda la redditività industriale il quadro d’insieme segnala una ripresa, con tutti gli operatori in miglioramento nel 2013-2017. Si distingue Discovery Italia che ha registrato nel 2017 l’ebit margin più elevato (14,2%, in aumento di +1,9 p.p. sul 2013), seguono Mediaset (9%, +1,5 p.p.), Sky Italia (6%, +4,8 p.p.) e Rai (3,4%, +0,3 p.p.); La7 presenta ancora un’incidenza negativa, ma in forte miglioramento nel 2013-2017 (+42,9 p.p.)».

 

Guardando invece all’Europa, e in particolare alla televisione pubblica, Mediobanca evidenzia che, per quanto riguarda il giro d’affari del 2017 dei servizi pubblici dei maggiori Paesi europei, a primeggiare è la Germania (8,5 mld di euro, di cui 6,4 mld generati da Ard e 2,1 mld da Zdf). Seguono il Regno Unito (6,8 mld, di cui 5,7 mld realizzati da Bbc), la Francia con France Télévisions (3,1 mld), l’Italia con la Rai (2,6 mld) e la Spagna con Rtve (979 mln). «Germania e Francia sono, inoltre, capofila per crescita del giro d’affari: +3,2% e +1,7% sul 2016». Il servizio pubblico italiano, evidenzia il rapporto, è quello che pesa meno sulle tasche dei contribuenti.

Contenuti correlati : mediobanca rai mediaset sky la7 discovery
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 07 Settembre 2020
    Poker al femminile
    Quattro numeri, quattro donne, in sequenza, su altrettante copertine di Tivù. La presidente di Doc/it, Claudia Pampinella,...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy