16 Giugno 2017  11:36

Netflix guarda al bilancio

Matteo T. Mombelli
Netflix guarda al bilancio

La celebre piattaforma americana ha avviato un contenimento dei costi con la cancellazione delle serie tv meno seguite

Tutti prima o poi devono fare i conti tra costi e ricavi. Anche Netflix, che solo due anni fa aveva annunciato un piano da 5 miliardi di dollari in contenuti a livello globale e che ora si ritrova, nonostante i suoi 100 milioni di abbonati nel mondo, a dover tagliare alcune produzioni (Marco Polo, The Get Down e Sense8). È quanto si illustra nell’analisi fatta di Gianmaria Tammaro su Il Messaggero, dove si evidenziano le difficoltà di una piattaforma che, non puntando sulla pubblicità, fatica a trovare fondi da investire per “rischiare” su nuove produzioni.

La società continuerà a puntare sull’innovazione – non a caso la stessa dirigenza ha annunciato l’intenzione di aprire un debito di circa 800 milioni per continuare a produrre serie tv – ma dovrà ragionare da tv generalista: accontentare più abbonati possibile e non può più spendere soldi su progetti seguiti solo da una minoranza.

Contenuti correlati : Netflix serie tv

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 05 Novembre 2019
    Chi l’avrebbe mai detto?
    La televisione cambia più di quanto cambi la platea televisiva, meno della pubblicità e del web, ma certamente più degli altri mezzi.
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy