16 Novembre 2017  10:03

Quote di programmazione: tutte le criticità

Eliana Corti
Quote di programmazione: tutte le criticità

L’inasprimento delle sanzioni e gli obblighi troppo stringenti per le tv i punti più delicati

Il Consiglio di Stato ha già espresso il suo parere favorevole al decreto Franceschini di riforma del sistema audiovisivo, che riforma il sistema delle quote di programmazione introducendo norme più stringenti circa la messa in onda e gli investimenti nel cinema italiano, in primis, e nella serialità. Eppure, secondo Il sole 24 ore, il testo presenta alcune criticità rispetto alla Costituzione. L’incremento delle sanzioni, per esempio, fissato tra 100mila euro e 15mila, risulterebbe spropositato rispetto alla violazione commessa. Le violazioni in merito alle quote oggi in vigore, secondo la testata, risultano oggi rare e mai reiterate e pertanto anche l’approvazione da parte del Consiglio di Stato del loro aumento sulla base di una «acclarata inadeguatezza delle sanzioni attualmente previste» si baserebbe su presupposti sbagliati. I nuovi obblighi di programmazione e investimento sarebbero invece in contrasto con il diritto delle emittenti a comporre i propri palinsesti, violando gli articoli 21 (manifestazione del pensiero) e 41 (iniziativa economica) della Costituzione. L’aver aggiunto alle quote (di per sé non illegittime) altre sottoquote, obblighi di programmazione e restrizioni alle forme contrattuali utilizzabili non farebbero che irrigidire il sistema, soprattutto nel momento in cui la delega si pone come obiettivo la razionalizzazione, un’esigenza indicata anche da Agcom, alla luce di un modello di tv che da generalista diventa sempre più tematico e multicanale.

Contenuti correlati : quote franceschini decreto programmazione audiovisivo

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 05 Novembre 2019
    Chi l’avrebbe mai detto?
    La televisione cambia più di quanto cambi la platea televisiva, meno della pubblicità e del web, ma certamente più degli altri mezzi.
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 10 Dicembre 2018
    Ebu: Foa Rai membro del board
    L’associazione delle tv pubbliche europee, Ebu, ha eletto i nuovi membri dell’Executive Board, che resteranno in carica per i prossimi due anni, a partire da gennaio 2019.

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy