26 Luglio 2016  10:31

Rai: la trasparenza è un’occasione

eliana corti
Rai: la trasparenza  è un’occasione

Antonio Campo Dall'Orto

Online gli stipendi; il cda chiede di risolvere la questione dei dirigenti non attivi. Dg e presidente incontreranno l’Anticorruzione per l’assunzione dei manager esterni

Sono online da ieri sera, all’indirizzo www.rai.it/trasparenza, tutte le informazioni riguardanti l’attività del Consiglio di Amministrazione e altri dati sull’organizzazione aziendale su cui la Riforma prevede un obbligo di pubblicità, tra cui compensi dei dirigenti oltre i 200mila euro, consulenze e collaborazioni non artistiche oltre gli 80mila euro, gare di appalti, bilanci e investimenti. Il Piano per la Trasparenza e la Comunicazione Aziendale è previsto infatti dalla Riforma Rai (legge 220/2015). Le cifre avevano già iniziato a circolare nei giorni precedenti, scatenando le polemiche, soprattutto per gli emolumenti corrisposti a personalità che attualmente non hanno alcuna mansione attiva.

«La trasparenza per noi non è solo un obbligo, ma un’occasione unica per continuare il nostro percorso di innovazione creando maggiore valore per l’azienda», ha dichiarato Antonio Campo Dall’Orto. Il quale dovrà però affrontare il prossimo 3 agosto, insieme alla presidente Maggioni, il consiglio dell’Anac (Autorità nazionale anticorruzione) per parlare delle assunzioni di manager esterni denunciate da Usigrai. Si tratta di 20 dirigenti, una cifra che supera il tetto del 5%.

Approvazione per il piano da parte del Cda Rai «Il passaggio odierno sulla trasparenza è un momento di estrema importanza per la Rai e per il Paese». «Il Consiglio», si legge nella nota, «conferma il proprio supporto ai vertici perché si proceda, in tempi ragionevoli, all'individuazione di una soluzione nei casi di figure di dirigenti apicali che non hanno al momento un incarico specifico o corrispondente al proprio livello di retribuzione. Questo per evitare il rischio di spreco di risorse aziendali o il persistere di sacche di privilegio ereditate dal lontano passato e non in linea con la sua nuova missione per il futuro in cui i vertici e l'intero CdA sono impegnati».

Da segnalare, tra i numeri, la discrepanza tra le remunerazioni dei direttori di rete: Ilaria Dallatana (RaiDue) e Daria Bignardi (RaiTre) percepiscono infatti 300mila euro, mentre Andrea Fabiano, il direttore dell’ammiraglia, RaiUno, ha una retribuzione lorda inferiore ai 200mila euro (il suo compenso, infatti, non è pubblicato). Il suo predecessore, Giancarlo Leone, attualmente direttore del Coordinamento editoriale dei palinsesti televisivi, percepisce 360mila euro (319.652 nel 2015).

Contenuti correlati : retribuzione Antonio Campo Dall’Orto Anticorruzione stipendi emolumenti Rai dirigenti CdA

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 11 Dicembre 2019
    La qualità non basta
    Da qualche stagione a questa parte, la Golden Age della fiction italiana sembrava cosa fatta: serie tricolori che planano...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 13 Dicembre 2016
    Mercato in crescita del 5%
     Una crescita del 5% per quanto riguarda il mercato televisivo del 2016 e un incremento della raccolta pubblicitaria del 6%.

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy