21 Aprile 2017  16:55

Rai: nessun tetto per gli artisti. L’ok del Mise

Redazione Tivù
Rai: nessun tetto per gli artisti. L’ok del Mise

Il sottosegretario Antonello Giacomelli autorizza di fatto la tv pubblica a retribuire gli artisti liberamente, secondo i criteri di mercato. Serve, però, un regolamento interno per distinguere la natura delle prestazioni

Via libera dal Ministero dello Sviluppo economico alla Rai, che potrà pagare liberamente, secondo i criteri di mercato, i propri artisti senza sottostare al tetto alle retribuzioni di 240 mila euro l’anno, che resta invece invariato per dipendenti, consulenti e collaboratori di altro genere.
La conferma arriva da una lettera spedita in Viale Mazzini dal sottosegretario Antonello Giacomelli, dove è stato allegato anche il parere dell’Avvocatura di Stato, favorevole al non estendere il tetto agli artisti.
Il ministero ha però invitato la Rai a dotarsi di un regolamento interno per individuare cosa sia davvero una prestazione artistica. Uno dei casi limite sarebbe quello di Bruno Vespa, che oepra a cavallo tra l’attività artistica, autorale e giornalistica (quest’ultima rientra nel tetto). Il conduttore di Porta a Porta ha già fatto sapere che i suoi contratti con la Rai, già dal 2011, sono concepiti come "prestazioni artistiche", con contributi Enpals.

Contenuti correlati : Stipendi Rai Rai Bruno Vespa Antonello Giacomelli
Iscriviti alla nostra newsletter

Comments

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 04 Maggio 2020
    Come uscire dall’impasse?
    E' un numero particolare questo di Tivù, pensato e scritto, nonché più volte modificato, sull’onda degli eventi –...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy