26 Aprile 2016  15:11

Rai, nessuna violazione di statuto e anticorruzione

Elena Rembado
Rai, nessuna violazione di statuto e anticorruzione

Secondo una nota di viale Mazzini, i nuovi dirigenti hanno quasi tutti contratti triennali

«Lo statuto e il piano triennale anticorruzione sono stati pienamente rispettati e, per la prima volta nella storia della Rai, i nuovi dirigenti hanno quasi tutti contratti triennali, il che consentirà di risparmiare cifre molto significative negli anni a venire». È questa la smentita di viale Mazzini intervenuta in seguito alle polemiche sulle assunzioni decise dal nuovo direttore generale Antonio Campo Dall’Orto e all’esposto dell’Usigrai all’Autorità anticorruzione e alla Corte dei Conti. «Nomine fatte», precisa una nota aziendale, «facendo ampio ricorso allo strumento del job posting per il reperimento di professionalità interne». Inoltre, prosegue la nota, «i manager esterni assunti, alcuni dei quali in sostituzione di altri che hanno lasciato l’azienda, non sono 20 ma 17, e il loro costo non è di 8mln di euro, come ipotizzano i sindacati, bensì di circa 4mln».

Contenuti correlati : anticorruzione Rai statuto Antonio Campo Dall’Orto assunzioni
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 05 Giugno 2020
    La TV specchio del futuro
    Karl Popper sosteneva che il futuro fosse aperto, che dipende dalle nostre azioni, che a loro volta dipendono dai nostri...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 11 Luglio 2012
    Un unico Codice per vigilare sui media?
    Unificare i Codici (un unico Codice con quattro aree: tv, internet, videotelefonia e videogiochi) e imporre ai produttori, agli operatori e alle...

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy