17 Gennaio 2007  00:00

Rai: via libera al contratto di servizio

TVre

L’iter prosegue anche senza il parere del Consiglio superiore delle comunicazioni

Nelle more della riforma del consiglio superiore delle Comunicazioni, il contratto di servizio tra la Rai e il ministero delle Comunicazioni potrà fare a meno del parere obbligatorio, ma non vincolante, da parte dello stesso organismo e proseguire il suo iter. Lo ha previsto il decreto proroghe varato dal Governo a fine anno e attualmente all'attenzione della commissione Affari Costituzionali della Camera. Si tratta di una norma transitoria - spiegano dal ministero - per evitare che l'iter del contratto di servizio 2006-2008, già scaduto, si blocchi, anche per consentire alla Rai di «contabilizzare l'eventuale maggiore canone». Una volta completata la riorganizzazione, il consiglio superiore delle Comunicazioni tornerebbe comunque alle sue funzioni.

Iscriviti alla nostra newsletter

EDITORIALISTI

  • 29 Gennaio 2021
    La nuova televisione al giro di BOA
    L’assunto è certo: causa pandemia gli ascolti sono cresciuti e la pubblicità è diminuita. Ergo, mentre la tv funziona...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 02 Marzo 2007
    Google: spot tv online
    Videoclip per le pubblicità online. Questa è l’idea di Google per attirare nuovi partner commerciali sul motore di ricerca, in particolare le...

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy