12 Ottobre 2016  12:48

Referendum e par condicio, la Vigilanza dice sì

TV Emidia Melideo
Referendum e par condicio, la Vigilanza dice sì

Anche l’Agcom ha approvato il regolamento per quanto riguarda giornali, radio e tv

Via libera al regolamento sulla par condicio in vista del referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre da parte della commissione di Vigilanza Rai (nella foto il presidente Roberto Fico). In tutte le trasmissioni che si occupano del referendum gli spazi sono ripartiti in due parti uguali tra i favorevoli e i contrari. E nei programmi di comunicazione politica la parità è matematica, così come nei programmi d’informazione e nei tg. A sua volta anche l’Agcom ha approvato il regolamento attuativo della legge 22 febbraio 2000, per tv, radio e stampa. Condizioni essenziali, la presenza equilibrata e il contraddittorio tra i soggetti favorevoli e contrari. L’Autorità, nella consueta attività di monitoraggio, trasmette settimanalmente i dati del alle emittenti affinché possano correggere eventuali disequilibri o anomalie entro la settimana successiva oltre a verificare e pubblicare ogni due settimane i dati relativi al tempo di parola dedicato alle diverse posizioni nei notiziari e nei programmi di approfondimento informativo, tenuto conto del format e della periodicità di ciascun programma. L’Autorità potrà tenere conto del tempo di notizia e di quello di argomento complessivo dedicato al tema referendario. Dalla terza settimana che precede il voto le verifiche saranno effettuate ogni settimana. Nello stesso periodo l’Autorità vigilerà anche sul pluralismo politico-istituzionale, attraverso la verifica dei tempi fruiti da ogni soggetto politico e istituzionale nello spazio dei notiziari e programmi di approfondimento informativo non dedicato al tema del referendum.

Contenuti correlati : referendum costituzionale commissione di Vigilanza Rai spazi pluralismo regolamento par condicio Fico Agcom programmi politica

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 05 Novembre 2019
    Chi l’avrebbe mai detto?
    La televisione cambia più di quanto cambi la platea televisiva, meno della pubblicità e del web, ma certamente più degli altri mezzi.
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy