10 Novembre 2014  11:48

Stop alle armi sui set, la reazione di Valsecchi

Elena Rembado
Stop alle armi sui set, la reazione di Valsecchi

Pietro Valsecchi

Il produttore di “Squadra mobile” e “Squadra antimafia” sarà costretto ad andare a girare all’estero

In seguito alla legge che regolamenta le caratteristiche tecniche (ritenute dai periti «fuori dal campo del realizzabile») che le armi sceniche dovranno avere, le ditte di effetti speciali le hanno ritirate e le associazioni del settore audiovisivo Anica e Apt sono in allarme per il blocco dei set (cfr. ). Anche Pietro Valsecchi di Taodue, produttore di “Squadra mobile” e “Squadra antimafia”, interpellato dal “Corriere della sera”, esprime le proprie preoccupazioni e, dopo aver affrettato le riprese di sparatorie nelle fiction attualmente in produzione, per le prossime si dichiara costretto ad andare a girare all’estero, poiché in Italia non si potrà più sparare. Sui set italiani, infatti, come in quelli di tutta Europa, si utilizzano armi vere (quelle giocattolo si riconoscerebbero) «con le modifiche necessarie affinché le pallottole non possano uscire dalla canna». Ora queste modifiche non andrebbero più bene e le armi non sarebbero più certificate.

Contenuti correlati : armi set Valsecchi Taodue
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 04 Maggio 2020
    Come uscire dall’impasse?
    E' un numero particolare questo di Tivù, pensato e scritto, nonché più volte modificato, sull’onda degli eventi –...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy