26 Gennaio 2015  12:52

Telenova, giornalisti in allarme

Elena Rembado
Telenova, giornalisti in allarme

Si teme una svendita che trasformi la tv d’ispirazione cattolica in uno dei tanti canali che si finanziano con programmi e pubblicità a luci rosse o legati al gioco d’azzardo

I lavoratori di Telenova sono in allarme per la temuta “svendita” della storica emittente milanese d’ispirazione cattolica. I conti sono in rosso e Multimedia San Paolo, società controllata dal gruppo editoriale che fa capo alla Società San Paolo (editrice di “Famiglia Cristiana”, “Jesus”, “Il Giornalino” e altre), ha annunciato l’intenzione di vendere la frequenza sul canale 14 del digitale terrestre. Ai giornalisti di Telenova è giunta «voce» dell’interessamento di Paolo Romani, capogruppo in Senato di Forza Italia, con un passato da manager in diverse tv locali, tra cui Lombardia 7, esperienza che, alla fine, si concluse con il fallimento. Da qui l’allarme «per il futuro delle 38 famiglie dei dipendenti che, in caso di vendita senza garanzie, potrebbero essere lasciati a casa dal nuovo proprietario, in mancanza di un progetto editoriale», e per «il rischio che Telenova sia trasformata in uno dei tanti canali che si finanziano con programmi e pubblicità a luci rosse o legati al gioco d’azzardo, in contraddizione con la tradizione e i valori della Chiesa».

Contenuti correlati : agitazione Multimedia San Paolo frequenza Telenova giornalisti vendita digitale
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 07 Ottobre 2020
    New Normal, NEW TV
    C’è un’espressione ricorrente in queste settimane di ripresa autunnale, seguita al terribile lockdown del Paese, ed è New Normal.
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy