10 Dicembre 2015  10:43

Unione Europea: verso la portabilità dei contenuti

Eliana Corti
Unione Europea: verso la portabilità dei contenuti

La parziale riduzione del geo-blocking sarà operativa dal 2017

La Commissione Ue punta alla portabilità dei contenuti digitali tra i 28 Paesi dell’Ue, permettendo ai cittadini in viaggio di usufruire dei servizi cui è abbonato al di fuori del Paese di residenza. Si tratta di una parziale riduzione del geo-blocking, che comunque consente a chi ha pagato per un servizio (come Netflix o vari servizi svod) di poter usufruire al meglio del proprio abbonamento anche in vacanza. La nuova normativa dovrebbe diventare effettiva entro il 2017, in concomitanza con la fine dei costi del roaming. La portabilità dei contenuti si inserisce nel percorso messo a punto dall’Ue per la riforma del copyright, che dovrà assicurare ai consumatori una maggiore offerta di contenuti e allo stesso tempo la protezione dei diritti ai rispettivi detentori.

Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 05 Giugno 2020
    La TV specchio del futuro
    Karl Popper sosteneva che il futuro fosse aperto, che dipende dalle nostre azioni, che a loro volta dipendono dai nostri...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy