19 Settembre 2013  10:28

Tutto il marketing di Disney Infinity. Aspettando Frozen...

GIMB
Tutto il marketing di Disney Infinity. Aspettando Frozen...

Monica Astuti

E-Duesse Intervista Monica Astuti, VP Chief Marketing Officer di Walt Disney Company Italia

Disney Infinity è sicuramente il titolo più importante, anche in termini di aspettative, mai lanciato dalla divisione Interactive. Quale impatto ha avuto questo prodotto in termini di supporto marketing?
“L'impatto è stato davvero importante, soprattuto in termini di preparazione dei materiali. Perchè in realtà è un videogioco complesso da spiegare per l'enorme potenzialità e per tutto quello che permette di fare. Inoltre, in termini di pianificazione della comunicazione più classica, il supporto è e sarà davvero capillare. Tra le tante operazioni, una di grande impatto sarà senza dubbio lo spot Tv per il quale abbiamo scelto come partner Nintendo, anche se ovviamente il gioco è multi piattaforma".
Quali sono le maggiori difficoltà nel comunicare un prodotto ibrido tra videogame e giocattolo come questo?
"Come accennavo prima si tratta di un videogame che apre un mondo e che davvero include un tool potentissimo per dar sfogo alla creatività dell'utente. Diciamo che forse la fase più complessa è stata nel far comprendere la doppia opportunità che Disney infinity è in grado di offrire. Da una parte con un'avventura classica che coinvolge il giocatore con i nostri mondi, offrendo un'esperienza di gioco completa e avvincente. Dall'altra il Toy Box, che è appunto un mondo in cui è il giocatore stesso a creare le proprie avventure e i propri mondi, sfruttando tutti gli elementi che i vari "universi" Disney mettono a disposizione per dar sfogo alla propria fantasia. Ogni avventura garantisce circa otto ore di gioco, per cui i vari playset si possono proprio considerare dei titoli stand alone, mentre la longevità del toy box è praticamente infinita".
Avete pianificato operazioni particolari sui punti vendita?
"Abbiamo legato al lancio del gioco con l'uscita di Monster University nei cinema, regalando un gadget legato al film a coloro che hanno prenotato il gioco presso uno dei punti vendita GameStop. Inoltre abbiamo differenziato i Power Disc Pack a seconda della varie insegne retail: ci sono dei gettoni in esclusiva per i nostri partner in modo da diversificare l'offerta e spingere ulteriormente il concetto di collezionabilità".
Come manterrete viva l'attenzione sul prodotto per il futuro?
“Sfrutteremo sicuramente le sinergie con la nostra divisione cinema. Alcuni playset infatti saranno proprio legati alle nostre release cinematografiche future di cui potranno sfruttare l'impatto anche in termini di comunicazione. Per fare un esempio, con il prossimo film Disney, Frozen, avremo un playset dedicato che arriverà in contemporanea".
Qual è il punto di forza principale di un franchise come Infinity?
"Per la prima volta raccogliamo in un solo prodotto tutti i personaggi Disney e vedere quello che accade quando i nostri mondi si incontrano e si intersecano in questa maniera è davvero un'esperienza di entertainment assolutamente avvincente".

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

ACCADDE OGGI

  • 15 Novembre 2007
    Vivendi: divisione games a +19%
    La divisione Games di Vivendi ha fatturato per il terzo quarto dell'anno fiscale 216 milioni di euro, contro i 182 milioni dello scorso esercizio.

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy