Editorialisti

28 Febbraio 2019

NON RESTIAMO FERMI!

Chiara Grianti

Sono trascorsi solo due anni dall’ultima edizione del Chi è Chi, la nostra panoramica sulle persone che occupano i ruoli chiave nelle aziende beauty e retail, eppure abbiamo deciso che fosse giunto il momento di realizzare un nuovo speciale. Perché? In questi pochi mesi sono cambiate così tante figure, sulla scia di mutamenti strategici avvenuti nelle aziende, che la fotografia realizzata nel 2017 appare obsoleta. Vi facciamo qualche esempio? Nel retail abbiamo avuto due cambiamenti eclatanti seppur differenti: da un lato Douglas e dall’altro Pinalli. Per quanto riguarda il primo, in seguito all’acquisizione di Limoni e La Gardenia da parte di Douglas, è nato un colosso con una potenza di fuoco internazionale. Relativamente a Pinalli, nell’arco degli ultimi mesi è stato attuato un deciso rinnovamento dell’azienda, voluto e portato avanti dalla prima e dalla seconda generazione in modo congiunto, tanto da renderla profondamente diversa seppur coerente con il passato. Nell’industria? È stata portata a compimento la fusione di Coty e P&G Prestige, operazione che ha visto avvicendarsi il management a diversi livelli; ma la più radicale riorganizzazione è quella di Estée Lauder, realizzata con l’obiettivo di rispondere in modo più efficace e rapido alle esigenze del consumatore finale e del retail. Un modello interessante, che certamente aprirà la strada ad altri cambiamenti. Quel che è certo è che la profumeria non ha più la stessa redditività del passato e ha meno appeal nei confronti dei consumatori, ma industria e retail non sono rimasti fermi a guardare.

Chiara Grianti

Nata a: Castellanza (Va) il 26 agosto 1977
In Editoriale Duesse dal: 1 aprile 2004
Mi piace: ridere, John Belushi, passare del tempo con mia figlia Olivia e il buon senso
Non mi piace: il lunedì e tutte le giornate che sembrano dei lunedì
Quando non scrivo su BEAUTY BUSINESS mi occupo di: giocare con Olivia!
Citazione: “Ti prego, non ucciderci. Ti prego, ti prego non ucciderci. Lo sai che ti amo, baby. Non ti volevo lasciare, non è stata colpa mia. (…) Non ti ho tradito, dico sul serio, ero rimasto senza benzina. Avevo una gomma a terra, non avevo i soldi per prendere il taxi, la tintoria non mi aveva portato il tight. C’era il funerale di mia madre ed è crollata la casa. C’è stato un terremoto, una tremenda inondazione, le cavallette! Non è stata colpa mia, lo giuro su Dio!” John Belushi all’ex fidanzata Carrie Fisher, The Blues Brothers


Archive