16 Luglio 2010  16:34

Legambiente dice la sua

ABmc
Legambiente dice la sua

Nel corso del convegno “Un’altra casa?”, tenutosi a Roma un paio di giorni fa, l’associazione ha espresso il suo punto di vista sulle nuove norme edilizie

L’associazione ha presentato a Roma, durante il convegno “Un’altra casa?” (vedi agenzia http://www.e-duesse.it/News/Arredobagno/Un-altra-casa-95172), i dati del consumo di suolo nel nostro Paese, elencando anche una serie di proposte per rilanciare il settore delle costruzioni. Nel dossier si legge come ogni anno vengano mediamente mangiati dal cemento 500 km quadrati (circa 3 volte la superficie del Comune di Milano), spesso con conseguenze irreversibili. “Negli ultimi sei mesi ci sono stati ben otto tentativi di far passare un nuovo condono”, ha dichiarato Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente, che ha poi aggiunto: “nella manovra in discussione in Parlamento si scambia la semplificazione con una deregulation esasperata. Ciò dimostra l’incapacità della nostra classe dirigente di pensare a un modello di sviluppo che valorizzi le vere ricchezze del nostro Paese e la sua inadeguatezza ad affrontare le questioni edilizie e abitative. Oltre a peggiorare la qualità della vita delle persone, l’urbanizzazione selvaggia le espone a nuovi rischi, perché nulla si fa sul fronte della sicurezza idrogeologica e sismica”. Per Edoardo Zanchini, responsabile urbanistica Legambiente, se si vuole uscire dalla crisi economica, bisogna mettere in campo nuove idee e politiche per i centri urbani e sostituire al modello di sviluppo centrato sul mattone uno più moderno e attento all’innovazione energetica e tecnologica, che abbia al centro il recupero del patrimonio edilizio, fermi il consumo di suolo e dia risposta alla domanda abitativa.

Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 29 Giugno 2020
    Una nuova linfa
    “È nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere superato”.
Arianna Sorbara Ab - Abitare il bagno

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Bagno

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy