13 Novembre 2018  15:07

Scozzoli: “Reverse charge, un primo passo nella giusta direzione”

Roberta Broch
Scozzoli: “Reverse charge, un primo passo nella giusta direzione”

Secondo il presidente di Aires-Confcommercio la misura consentirà di ristabilire un quadro di pari condizioni fra i diversi operatori

Inizia questa sera in Commissione Finanze del Senato l’esame degli emendamenti al Decreto Fiscale. Tra essi figura l’estensione al 2022 della Reverse Charge (ovvero della Inversione Contabile dell’Iva) su telefonini, tablet, computer e console per i videogiochi, e l’obbligo le piattaforme di intermediazione online di agire da sostituto d’imposta, ovvero di versare allo Stato l’IVA dei prodotti venduti per il proprio tramite.

 

A tale proposito, Andrea Scozzoli, presidente di Aires-Confcommercio, ha commentato: “Siamo soddisfatti per questo orientamento della maggioranza in quanto la misura consentirà non solo di garantire un cospicuo gettito fiscale alle casse dello Stato, ma anche di iniziare a ristabilire un quadro di pari condizioni competitive tra operatori del commercio combattendo la concorrenza sleale operata da chi omette il versamento dell’Iva”.

 

E conclude: “Auspichiamo pertanto che tutte le forze politiche, di maggioranza e opposizione, concordino sulla necessità di questo intervento normativo e convergano nel votare a favore dell’emendamento”.

Contenuti correlati : Aires Confcommercio Reverse charge Andrea Scozzoli

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Bianco e Ped

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy