25 Marzo 2019  10:05

ePrice in cerca di “discontinuità strategica”

Emanuela Sesta
ePrice in cerca di “discontinuità strategica”

Il pure player ePrice in cerca di "discontinuità"

La società Sator di Matteo Arpe (secondo socio del pure playre) avrebbe già presentato una propria lista di sette amministratori, compreso il nome del candidato presidente

Dopo che il titolo ePrice in Borsa, dai massimi di 6,2 euro del 2015 è crollato agli attuali 1,4 euro (solo negli ultimi due anni il titolo a Piazza Affari ha perso il 65% del suo valore) e il 2018 si è chiuso con un Ebitda di -8,8 milioni di euro (dopo il -15,3 milioni del 2017), il gruppo Sator di Matteo Arpe (secondo socio del pure player con il 20,8% dopo lo stesso fondatore Paolo Ainio al 22%) ha deciso che serve una “discontinuità strategica”, non più “stand alone”. Tanto scrive in una nota ufficiale diramata nei giorni scorsi. ePrice, si precisa, deve fare un salto: aggregandosi, fondendosi e venendo acquisita da un altro soggetto in Italia o all’estero. Per marcare questa discontinuità - che ha il sapore di un allontanamento dal socio-fondatore – l’investitore avrebbe già presentato una propria lista di sette amministratori (su nove complessivi): candidato presidente è Moshe Sade Bar, israeliano, 48 anni, venture capitalist ed esperto di tecnologia e innovazione.

Contenuti correlati : Matteo Arpe sator eprice Paolo Ainio piazza affari titolo
Iscriviti alla nostra newsletter

ACCADDE OGGI

  • 03 Dicembre 2013
    Hisense, “Un 2013 a segno +”
    “Il 2013 è stato un anno positivo per noi, con crescite a doppia cifra, in modo particolare nel bruno e nel clima. Il nostro obiettivo è accrescere...

Ricevi la Newsletter!

Bianco e Ped

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy