05 Febbraio 2018  09:51

Box office Italia, 01 Distribution prima grazie a The Post

Stefano Radice
Box office Italia, 01 Distribution prima grazie a The Post

The Post (autore foto Niko Tavernise) di Steven Spielberg

Il film di Steven Spielberg guida il week-end con 2,3 milioni. Podio inedito ma mercato stabile. Gli incassi del fine settimana 1 – 4 febbraio

Podio rivoluzionato dalle nuove uscite del week-end. Il fine settimana 1 – 4 febbraio si chiude con un incasso di 11,2 milioni, in linea con l’anno scorso (-1%) ma in crescita del 6% rispetto al 2017.

 

  • Il podio

In testa alla classifica ha esordito Steven Spielberg con The Post. Il film con Tom Hanks e Meryl Streep, distribuito da 01, ha esordito con 2,3 milioni (489 sale, 4.732 euro di media, la più alta del campione Cinetel), rimanendo in testa alla classifica fin da giovedì. Seconda posizione per l’action Maze Runner – La rivelazione (Fox) che è partito con 1,1 milioni di euro; presente in 302 sale, ha registrato 3.895 euro di media. Terza posizione per Luca Miniero; il suo Sono tornato (Vision Distribution), commedia sociale con Massimo Popolizio e Frank Matano, ha debuttato con circa 1,1 milioni (363 sale, 2.984 euro di media).

 

  • Il resto della classifica

 

Non ci sono new entry tra la quarta e la decima posizione. Subito giù dal podio troviamo l’action L’uomo sul treno – The Commuter (Eagle); il thriller con Liam Neeson regge molto bene con 970mila euro e una flessione solo del 20% per un totale di 2,2 milioni dal 25 gennaio (performance molto buona). In crescita il numero di sale, passate da 243 a 295 (2.952 euro di media). Scende dalla prima alla quinta piazza Made in Italy (Medusa) con 797mila euro (-44%). Il film di Luciano Ligabue dopo due week-end è a quota 2,5 milioni, un buon risultato non scontato per il terzo film del rocker emiliano (424 sale, -7, 1.881 euro di media). Continua la bella marcia di Luca Guadagnino al box office. Il suo Chiamami col tuo nome (Warner), incassa 672mila euro e perde solo il 15%, segno di un passaparola estremamente positivo. Il film che, lo ricordiamo, è candidato all’Oscar, è ora a quota 1,7 milioni. Visto il gradimento, Warner ha allargato la distribuzione, passata da 143 a 194 sale (3.467 euro di media). Settima piazza per il dramma storico L’ora più buia (Universal) con 561mila euro (-47%) per 3,3 milioni complessivi dal 18 gennaio (320 sale, +65, 1.755 euro di media); un ottimo risultato per un biopic sulla figura di Winston Churchill. Può essere più che soddisfatta Koch Media per il secondo week-end di Bigfoot Junior, animation che incassa 418mila euro, perdendo solo il 17% e arrivando così a circa un milione in undici giorni (320 sale, +12, 1.309 euro di media). Nona piazza per Gennaro Nunziante; il suo Il vegetale (Disney), ottiene 405mila euro (-55%) e supera quota 3,1 milioni dal 18 gennaio (275 sale, -180, 1.474 euro di media). Chiude la top 10 ancora il cinema italiano con Carlo Verdone che, con Benedetta follia (Universal), arriva a quota 8,2 milioni grazie ai 389mila euro del fine settimana (-58%); la commedia con Ilenia Pastorelli è presente in 225 sale (-178), con una media di 1.733 euro a schermo.

  • Oltre la top 10

 

Due nuove proposte si trovano in dodicesima e tredicesima piazza. Si tratta della commedia C’est la vie – Prendila come viene (Videa) con 332mila euro (172 sale, 1.933 euro di media) e dell’horror Slumber – Il demone del sonno (Koch Media) con 308mila euro (164 sale, 1.882 euro di media). Da segnalare in quindicesima posizione Jumanji: Benvenuti nella giungla (Warner) che, grazie ai 243mila euro del fine settimana, supera i 10 milioni da Caodanno, consolidando il suo primato nella classifica dell’anno.

Contenuti correlati : incassi cinetel box office 01 distribution spielberg
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

Paolo Sinopoli

ACCADDE OGGI

  • 26 Ottobre 2016
    Signorelli, mercato schizofrenico
    In una lettera inviata a e-duesse.it, di cui pubblichiamo uno stralcio, Enrico Signorelli, presidente Anec Lombarda, affronta alcuni nodi di mercato,

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy