17 Settembre 2018  16:07

Caso Netflix, Unic al fianco degli esercenti italiani

Stefano Radice
Caso Netflix, Unic al fianco degli esercenti italiani

Roma, il film di Netfix diAlfonso Cuaron, continua a far discutere (credit Netflix)

L'Unione internazionale dei cinema europei contro le contemporanee sala/piattaforme

Dopo le recenti discussioni sulla selezione di film in numerosi festival cinematografici e sulla decisione della giuria della Mostra del Cinema di Venezia di assegnare a Roma di Alfonso Cuaron - un film di Netflix - il Leone d'Oro, l'Unione internazionale dei cinema, presioeduta da Phil Clapp, ha rilasciato la seguente dichiarazione: "Unic desidera esprimere il suo sostegno ai colleghi esercenti italiani, chiedendo ai festival di selezionare per il concorso solo quei film destinati all'uscita nelle sale. Al centro del business del cinema è l'esperienza condivisa di guardare un film sul grande schermo, qualcosa che crea un forte senso di identità e comunità. I cinema offrono al loro pubblico esperienze culturali e sociali uniche, consentendo allo stesso tempo ai film di rendere giustizia alla visione del loro regista e, attraverso la loro natura esclusiva, creano emozioni ineguagliabili intorno alla loro uscita. Il successo theatrical di ogni film aiuta a guidare le prestazioni negli altri sfruttamenti. Il business nei mercati successivi, incluso Video on Demand, si sviluppa meglio su queste solide basi. Non dovrebbe venire a scapito dell'esclusività dei cinema. L'industria cinematografica può coesistere con i fornitori di servizi di streaming, ma ritiene che i loro interessi - e quelli del pubblico - siano garantiti da un film che riceve una corretta versione cinematografica, inclusa una finestra chiara e distinta. Il rispetto per il ciclo di vita di un film non solo supporta un modello che ha avuto successo in termini di diversità culturale, ma offre anche l'opportunità al pubblico più ampio possibile di scoprire e godere di una vasta gamma di contenuti cinematografici. Se i film fossero disponibili esclusivamente su queste piattaforme o ricevessero solo una versione "tecnica" in un'altra finestra - pur continuando a beneficiare della selezione dei festival come strumento di marketing oltre alle loro considerevoli risorse - la grande maggioranza del loro pubblico potenziale non avrebbe accesso a questi prodotti».

Di contemporanee Netflix-sale si è parlato anche al Toronto Film festival dove il presidente della Nato (l'associazione degli esercenti americani) John Fithian ha dichiarato che le porte ai film Netflix sono aperte, purché escano prima in sala rispetto alla piattaforma svod.

Contenuti correlati : nato fithian unic clapp roma cuaron netflix
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

Paolo Sinopoli

ACCADDE OGGI

  • 21 Ottobre 2018
    Milazzotto, vinta la scommessa del Mia
    Possiamo dire di aver vinto la nostra scommessa, ovvero quella di dare vita a un mercato con un taglio orizzontale, integrato e trasversale tra i diversi settori”.

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy