20 Marzo 2017  11:42

I vincitori del Bergamo Film Meeting

Silvia Mussoni
I vincitori del Bergamo Film Meeting

Toril diretto da Laurent Teyssier

Il primo premio va a Toril di Laurent Teyssier

Il thriller Toril, diretto dal francese Laurent Teyssier e ambientato in Camargue, è il vincitore della 35ª edizione del Bergamo Film Meeting (11-19 marzo). Il premio, sponsorizzato da Banca Popolare di Bergamo, mette in palio 5mila euro come sostegno alle produzioni che investono nei giovani autori, nel cinema indipendente e di qualità. Gli spettatori del festival, che hanno decretato i vincitori, hanno inoltre assegnato il Secondo premio a Jätten (The Giant) di Johannes Nyholm – allo stesso tempo “bizzarra favola scandinava ed eccentrico film sportivo” – e il Terzo premio all’antimilitarista Voir du pays di Delphine e Muriel Coulin, coproduzione tra Francia e Grecia con al centro due giovani soldatesse di ritorno dall'Afghanistan. Il premio al miglior documentario CGIL Bergamo, del valore di 2mila euro, è andato, ex aequo, a El charro de Toluquilla di José Villalobos Romero e ad Als Paul über das Meer kam (When Paul Came over the Sea) di Jakob Preuss. Il riconoscimento, anche in questo caso assegnato in base alle preferenze espresse dal pubblico, ha l’intenzione di valorizzare le produzioni cinematografiche indipendenti.

Contenuti correlati : Bergamo Film Meeting Festival premi
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 20 Luglio 2020
    Il coraggio di crederci
    Nonostante il rinvio americano di Tenet a causa del prolungarsi dell’emergenza sanitaria, Warner Bros.
Paolo Sinopoli

ACCADDE OGGI

  • 03 Agosto 2015
    Non un remake, ma un omaggio
    «Nessuna scopiazzata né uno scimmiottamento: non sarà un remake, ma un omaggio a un film che resta intatto nella storia. Irraggiungibile come l’Himalaya».

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy