19 Settembre 2005  00:00

Acer: Lanci, “i brand informatici guideranno la convergenza tra Av e IT”

TCac

Lo ha dichiarato il presidente del gruppo durante la Global Press Conference tenutasi dal 16 al 18 settembre ad Atene

Durante l’ormai tradizionale incontro di settembre con la stampa internazionale, svoltosi ad Atene lo scorso week end, Acer ha presentato i risultati del primo semestre 2005 e gli obiettivi per i prossimi anni. I ricavi consolidati nel semestre ammontano a 4,1 miliardi di dollari in crescita del 34% sull’anno precedente. Dopo aver ottenuto buoni risultati in mercati come quello statunitense, nel quale Acer ha raggiunto l’ottavo posto come market share e dove conta di guadagnare altre posizioni nel medio-lungo periodo, il gruppo punta sui mercati emergenti quali la Cina e l’India. Sul fronte tecnologico l’azienda ha presentato soluzioni per la convergenza digitale allestendo anche un esempio di digital home. “Nella convergenza tra audio-video e informatica sarà quest’ultima a svolgere un ruolo dominante” ha dichiarato Gianfranco Lanci, presidente di Acer Inc. “Quindi le aziende IT risultano sicuramente avvantaggiate. Per questo nel proporre i nuovi prodotti manterremo la nostra identità di Brand IT”. Focus dell’azienda anche sulla connettività con la presentazione del primo notebook Acer con tecnologia VoIP e i programmi futuri per l’implementazione della tecnologia 3G nei dispositivi portatili. “I nostri prodotti dovranno garantire connettività a 360°” ha spiegato ancora Lanci “per questo stiamo vagliando tutte le tecnologie per verificarne le potenzialità in questo senso. Non abbiamo comunque in programma di entrare nel business della telefonia mobile”.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI

  • 24 Ottobre 2011
    Trimestrale in rosso per Acer
    Acer ha reso noti i risultati del terzo trimestre del suo anno fiscale chiuso con un fatturato di 3,8 miliardi di dollari in calo anno su anno del 30%.