19 Ottobre 2016  09:28

Apple, perché non anche content company?

Elena Reguzzoni
Apple, perché non anche content company?

Goldman Sachs lo avrebbe suggerito al colosso di Cupertino

Il peso troppo predominante delle vendite degli iPhone sul bilancio di Apple è noto ed evidente ed è altrettanto intuibile – anche nelle mosse – che il colosso di Cupertino voglia diversificare il proprio portfoglio dei business e secondo Goldman Sachs dovrebbe proporsi sempre di più come content company approfittando sia del fenomeno dello streaming, sia del proprio parco clienti offrendo un abbonamento in stile Prime di Amazon per far accedere accedere a contenuti game, video e musicali. Un terreno però già battuto da altri player a cominciare dal colosso di Seattle.

 

Contenuti correlati : diversificare content company iPhone bilancio Apple vendite Goldman Sachs abbonamento Prime Amazon streaming game video musica
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI