09 Dicembre 2004  00:00

GfK: ancora boom per i Flat Tv, ma i Crt resistono

TCDB

I modelli Pdp e Lcd confermano volumi di vendita in crescita di oltre il 200%. Nei modelli Crt soffrono particolarmente i 16:9

Prosegue la corsa dei televisori al plasma e a cristalli liquidi, ma anche i tradizionali modelli Crt non mostrano quei segni di cedimento che il mercato temeva. Secondo la più recente release di GfK infatti, nell’anno mobile terminante a ottobre 2004 rispetto all’anno mobile precedente, le vendite di modelli al plasma segnano un incremento pari a +239,8% a unità e +133,5% a valore; i modelli a cristalli liquidi +284,5% a unità e +259,6% a valore; e i modelli Crt +14% a unità e -7,1% a valore.Considerando il solo mese di ottobre 2004, le vendite di Tv al plasma hanno generato un fatturato di 32,8 milioni di euro, quelle di Tv Lcd di 48 milioni e quelle di modelli Crt di 92,5 milioni di euro.Per quanto riguarda i segmenti tecnici, si profilano tendenze sempre più nette.Nei modelli al plasma i 42 pollici continuano a rafforzare il proprio peso arrivando a coprire i 3/4 dei volumi di vendita. I Tv a cristalli liquidi vedono invece una progressiva affermazione dei 20-21 pollici e un netto ridimensionamento del peso dei modelli con schermo compreso tra 15 e 19 pollici (che rimangono comunque i segmenti principali dopo quello dei 20-21 pollici); in crescita anche il peso dei modelli con schermo superiore a 25 pollici.Infine per quanto riguarda i televisori Crt i segmenti più dinamici si dimostrano i 14, i 20 e i 21 pollici. Più in generale sono i modelli di fascia alta e i widescreen a soffrire la concorrenza di plasma e Lcd: secondo i dati GfK infatti i 16:9 Crt, nel confronto tra l’ottobre 2004 e l’ottobre 2003, perdono il 6,8% a unità e addirittura il 24,7% a valore.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI

  • 26 Ottobre 2007
    Dtt: bocciato il digitale regionale
    Non è passato l’emendamento proposto dal senatore Ds Esterino Montino per spostare il passaggio al digitale terrestre nel 2008, regione per regione in tempi differenziati.