22 Novembre 2016  14:21

Innovazione nel retail: crescono gli investimenti in digitale, ma manca una strategia

Roberta Broch
Innovazione nel retail:  crescono gli investimenti in digitale, ma manca una strategia

Presentati i dati dell’Osservatorio Innovazione Digitale nel Retail promosso dalla School of Management del Politecnico

I top retailer italiani sono consapevoli che per affrontare le nuove sfide è necessario un disegno complessivo di trasformazione. Tuttavia il 65% è frenato dall’assenza di una chiara strategia di innovazione digitale nei confronti di temi come la digitalizzazione del consumatore, la complessità crescente dei processi e la competizione degli e-tailer, anche se 3 su 4 si dichiarano al lavoro per definirla.

Questo si traduce in un livello di investimento inadeguato: anche se si registra una crescita interessante, passando dal 15% del totale degli investimenti annuali nel 2015 al 17% nel 2016, la spesa in digitale dei top retailer è ancora inferiore a un punto percentuale del fatturato.
Queste alcune delle evidenze emerse dall’Osservatorio innovazione digitale nel retail promosso dalla School of management del Politecnico di Milano giunto alla sua terza edizione, presentato oggi.
L'Osservatorio ha condotto una survey sui top retailer italiani (i primi 300 per fatturato, presenti in Italia con negozi fisici) analizzandone la maturità digitale attraverso lo studio del livello attuale di adozione e dell’intenzione di adozione futura delle tre principali categorie di innovazioni: nel back-end (processi di interazione retailer-fornitori o processi interni del retailer), nella customer experience in punto vendita e a supporto dell’omnicanalità.
Le innovazioni digitali nel back-end sono le più diffuse e consolidate tra i top retailer italiani: il 93% del campione ne ha adottata infatti almeno una. Gli investimenti nel 2016 sono stati maggiormente focalizzati su soluzioni di CRM (25% del campione), soluzioni a supporto della fatturazione elettronica e dematerializzazione (19%), sistemi ERP (18%), sistemi di business intelligence analytics (18%) e soluzioni per incrementare le performance di magazzino, come il voice picking (16%).
Per il 2017, oltre il 40% dei top retailer dichiara un potenziale interesse di investimento in sistemi per il monitoraggio dei clienti in negozio, sistemi di tracciamento dei prodotti lungo la supply chain e soluzioni di intelligent transportation system.
L'80% del campione di top retailer ha sviluppato almeno una innovazione digitale nel front-end a supporto della customer experience in punto vendita. Le soluzioni su cui si sono concentrati maggiormente gli investimenti nel 2016 sono sistemi per l'accettazione di pagamenti innovativi (22%), sistemi per l'accettazione di couponing e loyalty (19%) chioschi, totem e touchpoint (15%), sistemi di cassa evoluti e Mobile Pos (15%) e digital signage e vetrine intelligenti (13%).
Per quanto riguarda l’omnicanalità, infine, la quasi totalità dei retailer utilizza i canali digitali per supportare le fasi di pre-vendita o post-vendita, o per abilitare la vendita. Più precisamente, l'88% dei retailer (era l'80% nel 2015 e il 65% nel 2014) è presente sia online sia su mobile, mentre il 10% è presente solo online e l'1% solo su mobile.

Sull'online, il 35% del campione ha sviluppato un sito istituzionale per supportare il pre e post-vendita, mentre il 65% (era il 61% nel 2015) ha un sito di eCommerce per vendere online. Sul mobile, il 34% del campione ha un'iniziativa, App o Mobile site, per offrire funzionalità nel pre e post-vendita e il 55% (era il 42% nel 2015) ha un'iniziativa di Mobile Commerce. Per quanto riguarda i retailer medio – piccoli italiani, l'introduzione di innovazione digitale è una priorità per due su tre degli intervistati. Tuttavia, come per i top retailer, l'incidenza dell'investimento in innovazione digitale è limitata a pochi decimi di punto percentuale del fatturato generato: circa lo 0,2% o lo 0,3% soprattutto a causa dei costi elevati e della mancanza di competenze interne. Le innovazioni digitali nel back-end sono le più diffuse e consolidate: il 91% del campione ha sviluppato almeno un'innovazione in questi processi, prevalentemente sistemi di comunicazione via web con i fornitori, fatture e bolle elettroniche e sistemi gestionali basati su supporti elettronici.

Contenuti correlati : School of Management del Politecnico front-end top retailer omnicanalità canali digitali Osservatorio Innovazione Digitale nel Retail
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI

  • 07 Agosto 2014
    Groupon cresce grazie a un cambio di pelle
    Se nel secondo semestre dell’anno Groupon ha incassato vendite in crescita del 23,5%, se si analizzano solo le vendite di prodotti fisici si scopre...